Contenzioso tributario

Comuni, la difesa "irrituale" non rende nulla la decisione

eDotto | 06/09/2005 La Cassazione, sentenza n. 13231 del 20 giugno 2005, sostiene che per il Comune non è richiesta l'assistenza tecnica nel processo tributario; se, quindi, la difesa in udienza (ovvero la rappresentanza) è stata affidata ad un professionista non abilitato (causando l'irrituale assistenza rispetto a quanto disciplina l'articolo 3-bis della legge 88/2005, che individua nel dirigente ufficio tributi la rappresentanza dell'ente locale nel processo tributario), ciò non determina di per sé la nullità...
FiscoContenzioso tributario

Il processo sui redditi divide soci e società

eDotto | 27/08/2005 La Corte di Cassazione - sentenza n. 13814 del 27 giugno 2005 - stabilisce, definendo i confini tra le controversie relative al reddito prodotto da una società con quelle che hanno come protagonista il socio, che il giudice tributario non è tenuto alla sospensione del processo riguardante il reddito del socio se è pendente la controversia sul reddito societario.
FiscoContenzioso tributario

Ottemperanza senza autonomia

eDotto | 19/08/2005 La Corte di Cassazione - sentenza n. 13681 del 24 giugno 2005 - ha affermato il principio a norma del quale "in sede di giudizio di ottemperanza, il giudice deve soltanto provvedere in ordine all'esecuzione del giudicato", non anche relativamente agli aspetti cognitivi estranei al contenuto ed alla portata del giudicato.
FiscoContenzioso tributario


Sentenza tributaria revocabile se è la "fotocopia" di un'altra

eDotto | 28/07/2005 La Ctr del Veneto, con decisione n. 40/03 del 21.6.2005, ha stabilito che la sentenza del giudice tributario sia revocabile solo se contraria ad altra sentenza precedente, divenuta definitiva, emessa tra le stesse parti e con lo stesso oggetto. La revocabilità di una sentenza, ha puntualizzato la Corte, avviene quando tra i due giudizi esiste identità di soggetti ed oggetto.
FiscoContenzioso tributario

Sulle compensazioni vige l'insindacabilità

eDotto | 21/07/2005 La Corte di Cassazione - sentenza n. 13542 del 23 giugno 2005 - ha affermato che la compensazione delle spese processuali, sia essa totale o parziale, rappresenta una insindacabile facoltà del giudice di merito, tanto nell'ipotesi di soccombenza di entrambe le parti, tanto quando sussistono giusti motivi. La valutazione è, pertanto, rimessa al giudice ed è sindacabile solo in presenza di motivi "palesemente e macroscopicamente illogici od erronei",ritenuti in grado di inficiare "il processo...
Contenzioso tributarioFisco

Liti fiscali, spese più garantite

eDotto | 13/07/2005 La sentenza della Consulta n. 274/2005 sostiene che è da ritenere costituzionalmente illegittima la compensazione automatica delle spese se una parte si "ritira" dal processo tributario. La disposizione dichiarata illegittima è l'articolo 4, comma 3, del Dlgs 546/1992, viziato da "intrinseca irragionevolezza", poiché lascia le spese di giudizio a carico del contribuente che ha ragione: la norma cancellata dalla Corte costituzionale consentiva, infatti, al Fisco di annullare l'atto impositivo...
FiscoContenzioso tributario

Vale il ricorso "autoprodotto"

eDotto | 09/07/2005 La sentenza 8025, depositata il 18 aprile 2005, consente ai giudici di ultima istanza di stabilire che devono considerarsi ammissibili i ricorsi tributari per controversie superiori a 2.583,28 sottoscritti direttamente dalla parte istante, e non da un difensore abilitato. In tali occasioni il giudice è tenuto, infatti, alla nomina di un difensore, ferma restando la legittimità del ricorso presentato.
FiscoContenzioso tributario

Sugli atti del processo tributario termine di deposito perentorio

eDotto | 02/07/2005 Con sentenza del 12 aprile 2005 n. 94/2001, la Ctr della Regione Lazio, precisa che nel processo tributario, il termine per il deposito dei documenti è perentorio. Sicché, se i documenti comprovanti la notifica di un avviso di liquidazione vengono depositati dal Fisco oltre il termine previsto dalla legge, la conseguenza è l'inammissibilità della documentazione.
FiscoContenzioso tributario

Giudici tributari senza "supplenza"

eDotto | 28/06/2005 La corte di Cassazione - sentenza n. 10267 del 16.5.2005 - ribadisce che i poteri istruttori che il giudice esercita possono essere adottati solo quando è difficile o impossibile fornire le prove richieste da parte del soggetto che dovrebbe esibirle. In sostanza, il giudice tributario non è tenuto ad acquisire le prove d'ufficio e non può in alcun modo supplire all'onere probatorio che spetta al contribuente.
FiscoContenzioso tributario