La Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, ha ritenuto legittima la sanzione dell’avvertimento, irrogata dal COA e confermata dal Consiglio nazionale forense, a carico di un avvocato che aveva riportato nel sito del proprio studio, a fini pubblicitari, l’elenco dei principali clienti assistiti...