Delitti e contravvenzioni


Autoriciclaggio per l’imprenditore che sottrae compensi ai lavoratori e li reimpiega

Cinzia Pichirallo | 08/06/2018

Costituisce estorsione il comportamento del datore di lavoro che costringe i dipendenti ad accettare, sotto minaccia di  licenziamento, buste paga più basse e non adeguate alle prestazioni offerte, e a lavorare per un orario superiore a quanto contrattualmente previsto. Presente anche il delitto di autoriciclaggio, perché provato che l’imprenditore rastrellava liquidità attraverso il mancato versamento degli anticipi, delle quattordicesime, dei permessi non goduti, che venivano utilizzati per pagare provvigioni o altri benefit aziendali in nero a favore dei venditori della società.

DirittoDiritto PenaleDelitti e contravvenzioni






Diffamazione tramite Facebook: ok all’oscuramento

Eleonora Pergolari | 16/05/2018

La Corte di cassazione ha giudicato inammissibili i ricorsi promossi da due indagati, accusati di diffamazione, contro il provvedimento di sequestro preventivo che li aveva raggiunti, eseguito tramite oscuramento delle pagine Facebook a loro attribuite e con cui si asseriva che avessero offeso la...

DirittoDiritto PenaleProcessuale penaleMisure cautelari e di sicurezzaDelitti e contravvenzioniInformatica giuridica