Diritto Internazionale

Rappresentante fiscale soltanto facoltativo

eDotto | 30/06/2006 Secondo i giudici europei, la sesta direttiva comunitaria (n. 77/388/Cee del 17 maggio 1977) prevede solo la facoltà della nomina di un rappresentante fiscale per il soggetto passivo non residente. Esclude invece l’obbligo di designazione di un rappresentante fiscale (di un residente fuori della Comunità) quando si effettuino operazioni imponibili all’interno del suo territorio, anche se motivato dal pretesto di lottare contro la frode fiscale. Ciò è quanto è stato stabilito dalla Corte di...
Diritto InternazionaleDirittoDisposizioni comunitarie

Il riordino dell’Iva Ue rimandato a dicembre

eDotto | 08/06/2006 Il pacchetto Iva, la cui funzione sarà riscrivere importanti regole sui modi di applicare l’imposta in Europa, subisce un’ulteriore proroga temporale (sei mesi) che i ministri dell’Ecofin si sono dati per una soluzione definitiva, rinviando a fine anno le norme dell’Iva sull’e-commerce, in origine in scadenza a fine di questo mese. Il ministro tedesco, oppositore di maggior peso al voto (che in materia di fiscalità dev’essere unanime) ha bloccato l’approvazione delle nuove disposizioni per...
Diritto InternazionaleDirittoDisposizioni comunitarie

La Ue rilancia sull’anti-evasione

eDotto | 04/06/2006 La battaglia per rendere i regimi fiscali - anzitutto le imposte indirette – più convergenti e compatibili, dura oramai da 13 anni, momento della nascita ufficiale del mercato unico (1° gennaio 1993). Martedì e mercoledì prossimi, a Lussemburgo, si terrà l’ennesimo incontro-scontro sull’argomento (dall’Iva alla tassazione delle società ci si trova, senza però, di fatto, riuscire ad avanzare). Insuperabili, finora, le forche caudine del voto all’unanimità. L’evasione fiscale nella Ue s’aggira,...
Disposizioni comunitarieDiritto InternazionaleDiritto

L’elusione blocca la detrazione Iva

eDotto | 09/05/2006 Due decisioni gemelle della sezione tributaria della Cassazione – numeri 10353 e 10352 – si risolvono riconoscendo la diretta applicabilità in Italia di direttive comunitarie in materia di indetraibilità dell’Iva, seppure a svantaggio del singolo: una società di investimenti immobiliari perde la sua lite con il Fisco italiano sulla base “di un diritto elaborato dalla giurisprudenza comunitaria, secondo cui non possono trarsi benefici” da affari conclusi solo per trarne un (indebito) risparmio...
Disposizioni comunitarieDiritto InternazionaleDiritto

Esenzioni Iva, rinvio in Corte Ue

eDotto | 08/05/2006 La relazione tra la direttiva comunitaria e la legge nazionale in materia di Imposta sul valore aggiunto ha la stessa natura – sostiene l’autore – di quella che intercorre tra la legge delega e il decreto legislativo delegato. I due atti normativi rivolti al cittadino devono essere conformi alla regola sovraordinata. E nei rari casi dubbi, al giudice che deciderà della controversia in primis spetta il compito di adottare l’interpretazione adeguatrice, in grado di far inquadrare la fattispecie...
Disposizioni comunitarieDiritto InternazionaleDiritto

Direttiva risparmio, certificati sempre validi

eDotto | 31/03/2006 I certificati rilasciati ex articolo 1, comma 3, del provvedimento agenziale dell’8 luglio 2005, hanno efficacia dal 1° luglio 2005 anche quando risultino privi dell’indicazione di efficacia retroattiva. E’ quanto sostiene la risoluzione delle Entrate n. 45, di ieri, che aggiunge che in presenza del certificato, l’entità residuale (tutte quelle figure, cioè, alle quali sono pagati interessi a favore di un beneficiario effettivo) è considerata agente pagatore solo al momento in cui corrisponde...
Diritto InternazionaleDiritto

Il capitale delle Spa diventa agile

eDotto | 28/03/2006 Lo scorso 15 marzo il Parlamento Ue ha approvato il parere sulla proposta di direttiva che riforma la seconda direttiva societaria (77/91/Cee) sul capitale delle società per azioni. Il parere riflette l’accordo raggiunto tra il Consiglio e la Commissione europea; pertanto, la proposta sarà approvata definitivamente nelle prossime settimane. La proposta della Commissione mira a snellire la procedura, in modo tale da rendere più agevole alle società per azioni prendere tutte quelle decisioni che...
Disposizioni comunitarieDiritto InternazionaleDiritto

Per Irap e tariffe l’esame dell’Europa

eDotto | 13/03/2006 Domani, l’avvocato generale Christine Stix-Hackl presenterà le conclusioni sulla causa C-475/03, Banca popolare di Cremona, in materia di fiscalità relativa all’Irap. Una sentenza attesa, come sono attese altre decisioni su cause pendenti, tra le quali numerose riguardano la scarsa applicazione delle norme in materia ambientale o di appalti (11 presunte violazioni, tra cui la questione irrisolta della non corretta applicazione della “Valutazione di impatto ambientale”, direttiva 85/337/Cee,...
Disposizioni comunitarieDiritto InternazionaleDiritto

La professione apre agli spot

eDotto | 18/02/2006 Con la direttiva Bolkestein, votata giovedì e che entrerà in vigore tra il 2009 ed il 2011, gli Stati membri non potranno più vietare le comunicazioni commerciali delle professioni regolamentate. La direttiva "servizi" disciplina la pubblicità per il prestatore di servizi e quindi anche per il professionista, restano esclusi i servizi sanitari e legali. Le disposizioni in essa contenute potranno integrare la direttiva Zappalà - 2005/36/CE, sul mutuo riconoscimento delle qualifiche - pur...
Diritto InternazionaleDirittoDisposizioni comunitarie

La società europea fatica a farsi strada

eDotto | 16/02/2006 Lo statuto della Società europea (regolamento Ce 2157/2001) è stato approvato, in via definitiva, da un anno e mezzo, ma in Europa sono poche le realtà imprenditoriali dotate della nuova veste legale comunitaria: 14 (tra le quali 4 sono "involucri" legali in via di strutturazione), di medie o grandi dimensioni, pressoché tutte collocate nella fascia del Nord-Europa. Alla nuova forma di società per azioni potranno fare ricorso, a certe condizioni, tutte le imprese europee di medio-grandi...
Disposizioni comunitarieDiritto InternazionaleDiritto