Diritto penale societario

Bancarotta a carico di tutti i soci della Sas

Eleonora Pergolari | 03/05/2012 Con la sentenza n. 16061 del 27 aprile 2012, la Corte di cassazione ha confermato la decisione di condanna per bancarotta fraudolenta documentale e patrimoniale, disposta dai giudici di merito nei confronti di tutti i soci, accomandatari ed accomandanti, di una Sas. Nella specie, l’azienda aveva posto in essere un vasto programma fraudolento che ricomprendeva shopping di marchi di imprese in crisi, incetta di merce della natura più disparata, denuncia di furto ad opera di ignoti e...
Diritto penale societarioDiritto PenaleDiritto

Nuova veste per il falso in bilancio

Eleonora Pergolari | 27/04/2012 Entro il 9 maggio 2012 dovranno essere presentati gli emendamenti al testo di riforma del reato di “falso in bilancio”, nella ultima versione adottata dalla commissione Giustizia della Camera su proposta dell’Idv. L’avvio della discussione sul detto testo oltreché sulle norme anticorruzione è, invece, fissato per il 28 maggio. La nuova versione della fattispecie prevede il ripristino della pena detentiva fino a cinque anni, la perseguibilità d'ufficio, il passaggio da contravvenzione a...
Diritto penale societarioDiritto PenaleDiritto

Il danno subito non esclude la responsabilità ex Decreto 231 della banca

Eleonora Pergolari | 21/04/2012 Non si può escludere che l’istituto di credito danneggiato dall’opera di alcuni manager appartenenti ad un’associazione per delinquere, possa ritenersi esonerato dall’applicazione delle sanzioni inflitte sulla base del Decreto legislativo 231/2001 in conseguenza di quei reati - ostacolo alle funzioni di vigilanza, false comunicazioni sociali e manipolazione del mercato - commessi dall'amministratore delegato e dal direttore generale nell'interesse della banca medesima. Ed infatti, il danno...
Diritto penale societarioDiritto PenaleDiritto

False comunicazioni sociali in danno a soci e creditori

Eleonora Pergolari | 18/04/2012 La Corte di cassazione, con la sentenza n. 14759 del 17 aprile 2012, ha confermato la condanna per il reato di cui all’articolo 2622 del Codice civile per “False comunicazioni sociali in danno dei soci o dei creditori”, già disposta dai giudici di merito nei confronti dell’amministratore delegato di Bpi. Secondo la Corte, il reato contestato doveva ritenersi configurato alla luce della condotta dell’amministratore di falsa esposizione di fatti materiali nelle comunicazioni sociali, ovvero...
Diritto penale societarioDiritto PenaleDiritto

Fatture false in dichiarazione costituiscono doppio reato

Cristina Ricciolini | 10/04/2012 La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 9281 del 9 marzo 2012, stabilisce che chi emette fatture false e le utilizza in dichiarazione è soggetto a condanna per doppio reato. Il caso riguarda la conferma del sequestro dei beni di un imprenditore che negli anni 2007 e 2008 aveva emesso fatture false utilizzandole poi in dichiarazione. La Corte specifica che il reato di dichiarazione fraudolenta mediante l'uso di fatture o operazioni inesistenti si consuma al momento della presentazione della...
Diritto penale societarioDiritto PenaleDiritto

Confisca del vantaggio economico derivante dal fatto illecito

Eleonora Pergolari | 30/03/2012 Nell’ambito dell’indagine per il rilevamento della responsabilità amministrativa di un ente ai sensi del Decreto legislativo n. 231, “il profitto del reato confiscabile non corrisponde a qualsiasi prestazione percepita in esecuzione del rapporto contrattuale, ma solo al vantaggio economico derivante dal fatto illecito”. Così, se il fatto penalmente rilevante ha inciso sulla fase di individuazione dell'aggiudicatario di un pubblico appalto, ma poi l'appaltatore ha regolarmente adempiuto alle...
Diritto penale societarioDiritto PenaleDirittoMisure cautelari e di sicurezzaProcessuale penale

La querela per impedito controllo entro tre mesi dalla produzione del danno

Eleonora Pergolari | 28/03/2012 Poiché il reato di impedito controllo di cui all’articolo 2625, secondo comma, del Codice civile, costituisce un reato di danno e non di pericolo, deve desumersi che il termine di tre mese per presentare querela inizia a decorrere dal momento in cui si è prodotto il danno e non nel momento in cui si è concretizzato il rifiuto di ottemperare alla divulgazione delle informazioni sociali. E’ quanto sottolineato dalla Corte di cassazione con la sentenza n. 11639 del 27 marzo 2012.
Diritto penale societarioDiritto PenaleDiritto

Niente sospensione condizionale della pena per la srl responsabile ex 231

Eleonora Pergolari | 21/03/2012 Con sentenza n. 10822 depositata il 20 marzo 2012, la Corte di cassazione ha confermato la decisione con cui i giudici di merito avevano condannato una Srl ed i suoi amministratori rilevando una responsabilità amministrativa ex Decreto legislativo n. 231/2001 in conseguenza dell’ottenimento di finanziamenti illeciti per tramite di sovrafatturazione e falsificazione dei bilanci. In particolare, i giudici di prime cure avevano ritenuto che, nella specie, non fosse applicabile il diritto alla...
Diritto penale societarioDiritto PenaleDirittoProcessuale penale

Revoca delle sanzioni interdittive ex Dlgs 231 solo a tre condizioni

Eleonora Pergolari | 17/02/2012 La sesta sezione penale di Cassazione, con la sentenza n. 6248 del 16 febbraio 2012, ha respinto il ricorso presentato dall'ex amministratore di una società nei cui confronti i giudici di merito avevano disposto delle sanzioni interdittive, ai sensi dell’articolo 45 del Decreto legislativo n. 231/2001, nell’ambito di un procedimento penale in cui la società medesima era accusata di aver percepito finanziamenti pubblici illeciti. Nel testo della decisione viene, in particolare, precisato...
Diritto penale societarioDiritto PenaleDiritto

Sì alla bancarotta se vengono pregiudicate le ragioni dei creditori

Eleonora Pergolari | 03/02/2012 Con sentenza n. 4458 del 2 febbraio 2012, la Cassazione ha ribaltato la decisione di assoluzione dall’accusa di bancarotta mossa nei confronti dei vertici di un’impresa poi fallita in conseguenza di operazioni commerciali – nella specie, la cessione di un ramo d'azienda - poste in essere unitamente ad alcune società collegate. Mentre i giudici di merito avevano ritenuto determinante, ai fini dell’assoluzione dei manager, la considerazione che, comunque, la cessione del ramo d'azienda aveva...
Diritto penale societarioDiritto PenaleDiritto