Funzioni giudiziarie

Sul fallimento il tempo stringe

eDotto | 27/07/2005 Oggi, il confronto tra i tecnici delle Commissioni ministeriali istituite presso i Ministeri della Giustizia e dell'Economia porterà alla predisposizione di uno schema unico di dlgs attuativo della riforma delle procedure concorsuali. La bozza predisposta dalla commissione Giustizia contiene l'esclusione dall'assoggettamento a fallimento dei piccoli imprenditori, l'abolizione del fallimento d'ufficio e l'affidamento al comitato dei creditori della sola possibilità di richiedere la revoca del...
Funzioni giudiziarieDirittoDiritto fallimentareFallimento

Fallimenti, riforma a singhiozzo

eDotto | 15/07/2005 La commissione del ministero della Giustizia presieduta dal sottosegretario Pasquale Giuliano ha appena trasmesso la propria proposta, in veste di bozza di decreto legislativo, per la riforma del diritto fallimentare. All'inizio della prossima settimana, la bozza si trasferirà al ministero dell'Economia che, qualche giorno fa, ha formalizzato un suo progetto. La delega, inserita nella legge sulla competitività, impone coproponenza dei due ministeri, che si aprono quindi al confronto.   Un tema...
Diritto fallimentareDirittoFallimentoFunzioni giudiziarie

Fallimenti alla stretta finale

eDotto | 14/07/2005 Stamane si riunirà la commissione presieduta dal sottosegretario alla Giustizia, Pasquale Giuliano, che potrebbe già formalizzare il progetto di riforma del diritto fallimentare. Alla riunione è previsto il confronto con l'Economia, per la predisposizione di un testo solo e condiviso. La bozza di decreto che è ora all'esame della commissione, parte da una definizione dei soggetti esclusi dal fallimento: devono essere considerati piccoli gli imprenditori individuali e collettivi i cui ricavi sono...
FallimentoDiritto fallimentareDirittoFunzioni giudiziarie

Revocatorie con termini ridotti

eDotto | 10/07/2005 La bozza di riforma del diritto fallimentare che il ministero dell'Economia ha presentato manifesta la volontà di ridurre i tempi di durata delle procedure e di lasciare meno situazioni sospese che sia possibile. L'intenzione è evidente dove è previsto che "le azioni revocatorie non possono esser promosse decorsi due anni dal fallimento e comunque decorsi cinque anni dal compimento dell'atto". I termini temporali vengono, infatti, qualificati come termini di "decadenza".
Funzioni giudiziarieDirittoDiritto fallimentare

Fallimenti, due commissioni

eDotto | 20/06/2005 La riforma delle procedure concorsuali, che la Legge n. 80/2005 di conversione del decreto competitività disciplina, sarà attuata, si presume, in tempi brevi. All'Esecutivo spetta infatti l'emanazione del relativo decreto entro il 12 novembre 2005. Il ministro della Giustizia e quello dell'Economia e delle Finanze avranno probabilmente l'incarico della predisposizione del nuovo "codice fallimentare". Già le relative commissioni stanno lavorando.
FallimentoDiritto fallimentareDirittoFunzioni giudiziarie

Conciliazione, successo ridotto

eDotto | 10/06/2005 Da due anni il numero di conciliazioni gestite dalle Camere di commercio raddoppia: da poco più di mille nel 2002 alle oltre 4mila nel 2004. E', tuttavia, una quota ancora bassa di controversie sottratte ai tribunali; a fronte di un arretrato civile che conta centinaia di migliaia di cause iscritte a ruolo oggi le procedure di conciliazione sono ancora molto limitate.
Funzioni giudiziarieDirittoArbitrato

Fallimenti, obiettivo maxi-emendamento

eDotto | 08/06/2005 La legge n. 80/05, che ha convertito il dl competitività n. 35/05, ha previsto l'affidamento al Governo di una delega per la revisione di taluni aspetti delle procedure concorsuali. Ed ora, la nuova commissione del ministero della Giustizia si avvia alla riforma, o meglio al completamento della riforma del diritto fallimentare. Ieri si è svolta, presieduta dal sottosegretario alla giustizia Pasquale Giuliano, la prima riunione plenaria dove l'organismo si è diviso in tre sottogruppi incaricati...
Diritto fallimentareDirittoFunzioni giudiziarie



Curatori, estensione con rischi

eDotto | 24/05/2005 Le categorie professionali apprezzano la direzione riformatrice intrapresa dall'Esecutivo per il riordino del diritto fallimentare. Concordano sulla necessità di ottenere tempi snelli in tribunale, ma manca una visione di insieme nell'affrontare la crisi d'impresa che, presa al momento giusto, può evitare l'insolvenza. Non vi sono, poi, requisiti rigorosi per i curatori fallimentari. Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti propone un modello per l'emersione tempestiva della crisi...
Funzioni giudiziarieDirittoDiritto fallimentareFallimento