Processuale penale


Pm più liberi nell'azione penale

eDotto | 25/04/2009 La Consulta, con sentenza n. 121 di ieri, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 405, comma 1 bis, del codice di procedura penale nella parte introdotta dalla legge n. 46 del 2006, cosiddetta legge Pecorella, che obbligava il Pm a chiedere l'archiviazione quando la Cassazione avesse dichiarato l'inesistenza dei gravi indizi di colpevolezza alla base della custodia cautelare ed in assenza di ulteriori elementi a carico della persona sottoposta alle indagini.
Diritto PenaleDirittoProcessuale penale

Custodia, no retrodatazione se c'è un'altra condanna

eDotto | 24/04/2009 E' stata diffusa ieri pomeriggio una massima provvisoria della Cassazione, Sezioni unite penali, con la quale ha avuto risposta negativa il quesito “se la regola della retrodatazione dei termini di custodia cautelare possa operare quando per i fatti oggetto della prima ordinanza, emessa in altro procedimento, sia intervenuta sentenza irrevocabile di condanna”. Nel caso esaminato dai giudici di legittimità, l'imputato era stato colpito da due ordinanze di custodia cautelare e aveva chiesto che...
Processuale penaleDiritto PenaleDirittoMisure cautelari e di sicurezza

Sicurezza, sì al decreto senza ronde

eDotto | 23/04/2009 E' stato definitivamente approvato dal Senato il decreto legge sicurezza, n. 11/2009, contenente norme anti-stupro ed anti-stalking. Nel testo non compaiono le norme sulle ronde e sull'allungamento della permanenza degli immigrati nei centri Cie, norme che, probabilmente, saranno dirottate nel Ddl sicurezza ora all'esame della Camera. Tra le misure di maggiore novità si evidenzia l'introduzione, nel codice penale, del reato di stalking, punibile a querela della persona offesa e previsto per chi...
LavoroDelitti e contravvenzioniDiritto PenaleDirittoProcessuale penaleMisure cautelari e di sicurezzaFunzioni giudiziarie

Dossieraggio, il freno della Consulta

eDotto | 23/04/2009 La Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimità dell'articolo 240 del codice di procedura penale ai commi 4 e 5, nella parte in cui non prevedono l'applicazione delle stesse regole fissate per l'incidente probatorio durante l'udienza per la distruzione dei documenti, nonchè al comma 6, nella parte in cui non dice che il divieto di fare riferimento al contenuto dei documenti, supporti e atti, nella redazione del verbale di distruzione non si estende alle circostanze inerenti la formazione,...
Diritto PenaleDirittoProcessuale penale

Il processo a Google rimane a Milano

eDotto | 22/04/2009 Il giudice monocratico della quarta sezione penale di Milano ha riconosciuto la propria competenza nel processo penale per diffamazione a carico dei vertici di Google in ordine alla vicenda del video caricato in rete da alcuni quattordicenni che riprendeva le vessazioni compiute da questi ultimi nei confronti di un loro compagno disabile. E' stata così respinta l'eccezione di incompetenza avanzata secondo cui il giudizio si sarebbe dovuto svolgere a Torino, luogo dove si era consumato il reato...
Diritto PenaleDirittoProcessuale penaleDelitti e contravvenzioni

Confisca doppia all'imprenditore

eDotto | 21/04/2009 E' stato confermato dalla Cassazione, con sentenza n. 16725 di ieri, un maxisequestro nei confronti degli amministratori di due finanziarie pugliesi coinvolte in un'indagine di corruzione politica e traffici illeciti. Anche se il denaro bloccato dalle autorità a uno dei due era sufficiente a coprire il profitto del reato di cui erano accusati, tale circostanza non ha reso salvi i conti dell'altro dal sequestro in quanto, come precisato dalla Corte di legittimità, “il prezzo o il profitto del...
Misure cautelari e di sicurezzaProcessuale penaleDiritto PenaleDirittoDelitti e contravvenzioniDiritto penale societario

Se il documento è carente scatta il traffico illecito

eDotto | 20/04/2009 Con sentenza n. 6227 del 13 febbraio 2009, la Corte di cassazione ha confermato il sequestro preventivo di cinque container contenenti balle di carta da macero disposto dal Gip di Palermo in quanto, nei relativi documenti di accompagnamento al carico, era assente l'indicazione dei soggetti interessati alla spedizione. Secondo la Corte questa omissione, anche se costituisce inosservanza delle prescrizioni richieste nel Regolamento comunitario del 2006, va ricondotta al reato di traffico illecito...
Diritto PenaleDirittoProcessuale penaleMisure cautelari e di sicurezza