Imprese di videogiochi. Credito di imposta in attesa di ok della UE

Pubblicato il 16 giugno 2021

Con decreto datato 12 maggio 2021 il ministro della Cultura e quello dell’Economia hanno pubblicato le modalità per l’applicazione di un credito d’imposta per i produttori di videogiochi: i videogiochi devono essere riconosciuti di nazionalità italiana.

Il provvedimento verrà trasmesso agli organi di controllo e successivamente notificato alla Commissione europea, alla cui approvazione è subordinata l’applicazione dell’agevolazione.

Per il Ministro Franceschini “i videogiochi sono frutto dell’ingegno creativo ed è giusto che, analogamente a quanto avviene per il cinema e l’audiovisivo, possano ricevere un sostegno, se riconosciuti come opere di particolare valore culturale”.

Il beneficio spetta a condizione che un importo non inferiore al credito d’imposta riconosciuto sia speso nello Spazio economico europeo.

Il credito d'imposta spetta in misura pari al 25 per cento del costo eleggibile di produzione, come indicato Tabella B del decreto, di videogiochi riconosciuti di nazionalità italiana, fino all'ammontare massimo annuo di euro 1.000.000 per ciascuna impresa di produzione ovvero per ciascun gruppo di imprese.

Destinatari del credito

Ammessi all’aiuto fiscale sono i produttori di videogiochi che:

Caratteristiche dell’investimento

Il tax credit sarà riconosciuto agli investimenti effettuati per la produzione di videogiochi che hanno la nazionalità italiana, che sono stati riconosciuti dalla commissione esaminatrice come opere di valore culturale sulla base dei criteri previsti dalla Tabella A del decreto e che contribuiscono allo sviluppo della creatività italiana ed europea nei videogiochi attraverso elementi di qualità, originalità e innovazione tecnologica e artistica.

L’agevolazione non deve superare, complessivamente, il 50% del costo eleggibile del videogioco.

Credito d’imposta videogiochi. Richiesta preventiva e definitiva

Un provvedimento del Direttore generale Cinema e Audiovisivo stabilirà delle sessioni annuali in cui il produttore di videogiochi dovrà inoltrare una richiesta preventiva per l’ammissione al credito d'imposta in parola.

La lavorazione del videogioco per il quale si presenta la richiesta preventiva non deve iniziare oltre 180 successivi al termine della suddetta sessione.

A seguito della validazione da parte della commissione esaminatrice, il DG Cinema e Audiovisivo pubblicherà l’elenco delle opere e delle imprese beneficiarie e il riconoscimento del credito d’imposta teorico spettante. Tale pubblicazione costituisce comunicazione agli interessati.

Gli ammessi al credito d’imposta presentano, entro 180 giorni dalla data della prima commercializzazione e comunque non oltre 36 mesi dalla pubblicazione dell’elenco di cui sopra, apposita richiesta definitiva alla DG Cinema e Audiovisivo, utilizzando i modelli predisposti dalla stessa DG.

Entro sessanta giorni dalla data di ricezione della richiesta definitiva, sarà comunicato l'importo del credito spettante definitivo.

Se tale importo risulta superiore a quello del credito teorico spettante, la DG Cinema e Audiovisivo verifica la disponibilità delle risorse limitatamente all’eventuale maggiore importo alla scadenza del periodo di 36 mesi dalla pubblicazione della graduatoria e comunica agli interessati il riconoscimento o meno del credito d’imposta aggiuntivo.

Utilizzo del credito

Il bonus maturato è utilizzabile dal giorno 10 del mese successivo a quello in cui si verificano congiuntamente le seguenti condizioni:

Il credito d'imposta va indicato sia nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di riconoscimento del credito, sia nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta in cui lo stesso è utilizzato.

Allegati
Condividi l'articolo
Potrebbe interessarti anche

Ticket di licenziamento: come si calcola e quando è dovuto

18/09/2021

Processo civile: illustrate le novità della riforma in Senato

17/09/2021

Super Green pass obbligatorio per i lavoratori

17/09/2021

Stp, il reddito è d’impresa: possibile beneficiare del bonus investimenti 4.0 e Mezzogiorno

17/09/2021

Cassazione: il fallito può essere amministratore di Srl

17/09/2021

Protocollo di relazioni industriali tra Amazon e rappresentanze sindacali

17/09/2021

Ai sensi dell'individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei dati personali - Regolamento (UE) n.2016/679 (GDPR)
Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei "social plugin".

Leggi informativa sulla privacy