Procedimenti speciali

Il termine per impugnare decorre dalla cessazione della sospensione feriale

Eleonora Pergolari | 07/03/2013 La disciplina della sospensione feriale dei termini è disciplina speciale, le cui eccezioni sono da considerarsi tassative, rispondendo la ratio della normativa ad assicurare le concrete possibilità di un’efficace azione difensiva. Così, “un’argomentazione secondo cui la previsione di un’eccezione ulteriore, rispetto a quelle sole previste dalla Legge n. 742/1969, e fondata sulla peculiare natura del giudizio direttissimo che, quale sia il rito prescelto, segua la convalida dell’arresto,...
Procedimenti specialiProcessuale penaleDiritto PenaleDiritto

Ok della Consulta alla richiesta del giudizio abbreviato anche per il reato oggetto della nuova contestazione

Eleonora Pergolari | 27/10/2012 La Corte costituzionale, con l'importante sentenza n. 237 del 26 ottobre 2012, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 517 del Codice di procedura penale, nella parte in cui non prevede per l’imputato la facoltà di richiedere il giudizio abbreviato relativamente al reato concorrente emerso nel corso dell’istruzione dibattimentale, che forma oggetto della nuova contestazione. Secondo la Consulta, in particolare, l’imputato che subisca una contestazione suppletiva...
Procedimenti specialiProcessuale penaleDiritto PenaleDiritto

Rito abbreviato condizionato. L’ordinanza di ammissione non è revocabile nel caso di condizione non realizzabile

Eleonora Pergolari | 25/10/2012 Le Sezioni unite penali della Cassazione, con la sentenza n. 41461 del 24 ottobre 2012, hanno risolto il contrasto giurisprudenziale esistente in merito alla revocabilità del provvedimento di ammissione del giudizio abbreviato condizionato, qualora divenga impossibile assumere l’integrazione probatoria dedotta in condizione dall’imputato. Secondo il supremo Collegio di legittimità, in particolare, l’ordinanza di ammissione a tale tipo di procedimento deve ritenersi non revocabile anche nel...
Procedimenti specialiProcessuale penaleDiritto PenaleDiritto

Giudizio abbreviato. La pena da applicare è quella prevista dalla legge vigente al momento della scelta del rito

Eleonora Pergolari | 08/09/2012 Per la Corte di cassazione, Sezioni unite penali - sentenza n. 34233 del 7 settembre 2012 -, per i reati astrattamente punibili con l’ergastolo, la pena che va inflitta all’esito del giudizio abbreviato è “quella prevista dalla legge vigente al momento della richiesta di accesso a tale rito semplificato”. Ne consegue che, qualora tale scelta processuale intervenga nel vigore dell’articolo 7 Decreto legge n. 341 del 2000, “è la sanzione da tale norma prevista che deve essere legittimamente...
Procedimenti specialiProcessuale penaleDiritto PenaleDiritto

Utilizzo delle dichiarazioni spontanee rese senza la presenza del legale

Eleonora Pergolari | 25/06/2012 I giudici di Cassazione, con la sentenza n. 22635 del 2012, hanno respinto il ricorso avanzato da due imputati che, in un procedimento per rito abbreviato a loro carico in ordine al reato di detenzione illegittima di armi, si erano opposti alla decisione con cui la Corte di appello li aveva condannati anche tenendo in considerazione le dichiarazioni spontanee dagli stessi rese nel corso della perquisizione domiciliare ed in assenza del difensore. A fronte delle doglianze dei ricorrenti,...
Procedimenti specialiProcessuale penaleDiritto PenaleDiritto

Per la prosecuzione del giudizio di merito ok al mandato conferito per la fase possessoria

Eleonora Pergolari | 29/03/2012 Con la sentenza n. 4845 del 26 marzo 2012, la Corte di cassazione ha ribaltato la decisione con cui i giudici di merito avevano ritenuto improcedibile un’istanza di prosecuzione del giudizio di merito non ritenendo valida, per tale stadio, la procura originariamente conferita al legale per la fase sommaria del procedimento possessorio. Secondo la Suprema corte, in particolare, ai sensi della nuova formulazione dell’articolo 703 Codice procedura civile, l’istanza di prosecuzione del giudizio...
Procedimenti specialiProcedura civileDiritto CivileDiritto

Violenza sessuale continuata. No al patteggiamento

Eleonora Pergolari | 09/03/2012 La Corte di cassazione, con la sentenza n. 9176 depositata l’8 marzo 2012, ha confermato la decisione con cui la Corte d’appello di Napoli aveva escluso che potesse essere applicato il patteggiamento nei confronti di un uomo, settantenne, imputato per violenza sessuale in quanto, per ben cinque mesi, aveva violentato una minore, con l’accordo dei genitori di quest’ultima. Secondo la Corte di legittimità, la decisione di merito era pienamente legittima e giustificata laddove era stato...
Procedimenti specialiProcessuale penaleDiritto PenaleDirittoDelitti e contravvenzioni

Niente procedimento sommario di cognizione davanti al Giudice di pace

Eleonora Pergolari | 02/01/2012 No al rito sommario di cognizione dinanzi al Giudice di pace. E' quanto precisato dai giudici della Cassazione nel testo dell'ordinanza n. 23691 dell'11 novembre 2011. Tale tipo di procedimento – sancisce la Suprema corte – previsto dagli articoli 702-bis e seguenti del Codice di procedura civile “può essere applicato esclusivamente nelle controversie di competenza del tribunale in composizione monocratica, con la conseguente esclusione, tra le altre, delle controversie di competenza del...
Procedimenti specialiProcedura civileDiritto CivileDiritto

Niente azione possessoria nei confronti dell'amministratore inconsapevole

Eleonora Pergolari | 19/12/2011 Non può essere esercitata azione di reintegra del possesso nei confronti dell'amministratore condominiale qualora sia assente, in capo allo stesso, il requisito dell'aimus spoliandi, la consapevolezza, cioè, di compiere uno spoglio nei confronti dei condomini. Nel caso esaminato dai giudici di Cassazione nel testo della sentenza n. 23538 del 10 novembre 2011, l'amministratore di un condominio, informalmente incaricato di ridisegnare la strisce, ormai sbiadite, delimitanti i posti macchina,...
Beni e diritti realiDiritto CivileDirittoProcedimenti specialiProcedura civile

Patteggiamento e ricorribilità in Cassazione della parte relative alle spese della parte civile

Eleonora Pergolari | 08/11/2011 Secondo le Sezioni unite penali di Cassazione – sentenza n. 40288 del 7 novembre 2011 – nei termini del patteggiamento non è ricompresa anche l'entità della somma da liquidare a titolo di rifusione delle spese sostenute dalla parte civile; quest'ultima, infatti, forma oggetto di una decisione autonoma che, anche se inserita nel rito alternativo, consente una “maggiore ampiezza dello spazio decisorio attribuito al giudice rispetto a quello inerente ai profili squisitamente penali”. Ne...
Procedimenti specialiProcessuale penaleDiritto PenaleDiritto