Processuale penale

Uccise passando al rosso: è omicidio volontario

eDotto | 27/11/2008 Il Gup di Roma, ha condannato - con rito abbreviato - a 10 anni di reclusione, Stefano Lucidi, l'uomo che, attraversando con il rosso Via Nomentana, investì ed uccise, nel maggio scorso, due ragazzi in scooter. Con l'importante decisione, il Gup ha ravvisato, nel comportamento dell'automobilista, il reato di omicidio volontario, configurato sotto il profilo del dolo eventuale. E' stata, infatti, accolta l'imputazione prospettata dal Pm rispetto a quella precedentemente formulata dal Gip per...
Diritto PenaleDirittoProcedimenti specialiProcessuale penaleDelitti e contravvenzioni

Confisca, squilibrio da provare

eDotto | 24/11/2008 Con una sentenza depositata il 17 novembre scorso, la n. 42802, la Cassazione è intervenuta sulla misura della confisca come conseguenza di una condanna per uno dei reati di cui all'art. 12-sexies del Dl 306/92, in caso di patrimoni degli affiliati alla criminalità mafiosa. Secondo i giudici di legittimità, qualora sia provata l'esistenza di una sproporzione - presupposto della confisca - tra il reddito dichiarato dal condannato o il provento della sua attività economica e il valore dei beni, e...
Diritto PenaleDirittoImmobiliFiscoProcessuale penaleMisure cautelari e di sicurezza

Case abusive senza confisca

eDotto | 21/11/2008 La Corte di legittimità, con sentenza n. 42741 del 2008, ha accolto le istanze avanzate dagli acquirenti, in buona fede, di alcune unità abitative di un complesso - oggetto di lottizzazione abusiva - contro i provvedimenti di sequestro disposti dal Gip prima e dal Tribunale del riesame poi. Nel caso esaminato, un complesso turistico alberghiero era divenuto, in corso d'opera, un frazionamento di 323 unità abitative, con modifica della destinazione d'uso. Durante l'inchiesta erano scattate le...
Misure cautelari e di sicurezzaProcessuale penaleDiritto PenaleDirittoImmobiliFiscoObbligazioni e contratti

“Messa alla prova” sotto accusa

eDotto | 20/11/2008 Si discute sulla misura della “messa alla prova” contenuta nel disegno di legge in materia di effettività della pena. Due sono gli obiettivi di questa proposta con cui verrebbe sospeso il procedimento con possibile estinzione del reato in caso di riabilitazione: da una parte si intende alleggerire il processo penale per i reati di competenza del giudice unico, dall'altra si vuole utilizzare il carcere solo come ultima possibilità. Il punto maggiormente criticato, anche in seno alla maggioranza,...
Processuale penaleDiritto PenaleDirittoMisure cautelari e di sicurezza

Mettersi alla prova estingue i reati

eDotto | 19/11/2008 Il ministero della Giustizia ha predisposto un disegno di legge, come annunciato nei giorni scorsi dal Guardasigilli Alfano, che prevede alcune misure alternative alla carcerazione. Ed ecco che viene introdotta la possibilità della “messa alla prova” per l'incensurato che abbia commesso un reato punito con una pena non superiore ai 4 anni o con una sanzione pecuniaria; in questi casi, si potrà richiedere, nella fase delle indagini preliminari o fino all'apertura del dibattimento, la sospensione...
Diritto PenaleDirittoProcessuale penaleMisure cautelari e di sicurezza

“Riti processuali da sfoltire e apertura sulla riforma”

eDotto | 15/11/2008 Al ventinovesimo Congresso nazionale forense, che si è tenuto a Bologna, il ministro Alfano ha dettato l’agenda delle prossime settimane in materia di giustizia. Tra le proposte: lo sfoltimento dei riti processuali civili; alcuni probabili interventi sul societario; alcune correzioni per l’accesso in Cassazione e la testimonianza scritta, e, per quanto riguarda il penale, l’introduzione di alcune misure sull’effettività della pena e per l’accelerazione del processo. Sulla riforma...
Funzioni giudiziarieDirittoProcessuale penaleDiritto PenaleProcedura civileDiritto Civile

Usura: nessun limite al sequestro dei beni

eDotto | 14/11/2008 Con una nota di chiarimento, il ministero della Giustizia ha spiegato che l'abrogazione prevista dall'intervento del pacchetto sicurezza dell'art. 14 della legge 55/90 non comporta il venir meno della possibilità di confiscare i beni per il delitto di usura; questa possibilità rimane prevista ai sensi del vigente art. 19 della legge 22 maggio 1975, n. 152 che, mentre prima era limitata ad alcuni delitti, ora, proprio per effetto del nuovo decreto legge, risulta essersi estesa a tutti i reati dai...
Diritto PenaleDirittoDelitti e contravvenzioniProcessuale penaleMisure cautelari e di sicurezza

Assegni falsi, non scatta il sequestro dei conti

eDotto | 12/11/2008 La Corte di cassazione, con la sentenza n. 41917 dell'11 novembre 2008, ha accolto, con rinvio, il ricorso avanzato da un imprenditore contro la decisione del riesame che aveva confermato la confisca di tutti i suoi conti bancari dopo che lo stesso era stato imputato per calunnia e insolvenza fraudolenta in quanto aveva emesso un assegno scoperto, per pagare una parcella di un professionista e poi ne aveva denunciato il furto per bloccarlo. I giudici di legittimità, in primo luogo, spiegano che...
Diritto PenaleDirittoDiritto penale societarioDelitti e contravvenzioniProcessuale penaleMisure cautelari e di sicurezza

In Comune sospensioni antimafia

eDotto | 11/11/2008 Alfredo Mantovano, sottosegretario all'Interno, illustra alcune nuove previsioni contenute nel decreto legge sulla sicurezza, da oggi all'esame del Senato. In tema di sequestri e confische, nessuna azione esecutiva esattoriale sui beni sottoposti alle due misure potrà essere intrapresa o proseguita, da parte del concessionario di riscossione, per tutta la durata della misura di prevenzione o del processo penale. Viene accelerata la procedura di assegnazione dei beni e, nel caso in cui la...
Misure cautelari e di sicurezzaProcessuale penaleDiritto PenaleDirittoDelitti e contravvenzioniFisco

Al boss criminale negato il gratuito patrocinio

eDotto | 09/11/2008 La Corte di Assise di Locri, con decisione del 6 novembre scorso, ha revocato il beneficio del gratuito patrocinio a spese dello Stato ad un boss mafioso, già condannato nel 1997, applicando una previsione contenuta nel cosiddetto pacchetto sicurezza (legge 125/2008) secondo cui non possono usufruire del patrocinio i soggetti condannati in via definitiva per associazione a delinquere a stampo mafioso.
Diritto PenaleDirittoDelitti e contravvenzioniProcessuale penale