Diritto penale societario

Riforma giustizia: reati economici e misure contro i patrimoni illeciti

Eleonora Pergolari | 03/09/2014 Il testo del Disegno di legge contenente misure finalizzate al contrasto della criminalità organizzata e dei patrimoni illeciti varato, il 29 agosto 2014, dal Consiglio dei ministri, introduce rilevanti modifiche al codice penale, di procedura penale, al codice civile e altri testi, intervenendo anche in materia di reati societari. Falso in bilancio come delitto procedibile d'ufficio Tra le novità di maggiore rilievo si segnala il ritorno del reato di falso in bilancio, fattispecie che dal...
AntiriciclaggioProfessionistiDiritto penale societarioDiritto PenaleDiritto

Riforma giustizia: una nuova veste per le false comunicazioni sociali

Cinzia Pichirallo | 22/08/2014 Il Ddl contenente la riforma della giustizia, articolato in 12 punti e pronto per essere discusso dal mese di settembre, apporta novità sostanziali in materia di reati societari. In particolare, per quanto riguarda le false comunicazioni sociali, si punta a modificare l'attuale struttura, che le vede come contravvenzioni (punibili con l'arresto fino a due anni di carcere e con prescrizione fissata in 5 anni), per riportarle sul piano di “delitto”. Non è dato ancora conoscere, però, quale...
Diritto penale societarioDiritto PenaleDiritto

Bancarotta per distrazione anche senza consapevolezza dell'insolvenza

Eleonora Pergolari | 06/08/2014 Il reato di bancarotta fraudolenta per distrazione è da ritenere un crimine di pericolo e a dolo generico. Ne consegue che perché la relativa fattispecie possa ritenersi integrata non occorre che l'agente abbia consapevolezza dello stato di insolvenza dell'impresa; parimenti, non è nemmeno necessario che il medesimo abbia inteso agire al fine di procurare un pregiudizio ai creditori. E' questo l'assunto evidenziato dalla Corte di cassazione nel testo della sentenza n. 34505 del 5 agosto...
Diritto penale fallimentareDiritto PenaleDirittoDiritto penale societario

Misure di contrasto alla criminalità economica: reati societari e autoriciclaggio

Eleonora Pergolari | 06/08/2014 Si è tenuto nella giornata del 5 agosto 2014 un incontro tra i Guardasigilli, Andrea Orlando, e una delegazione del settore dell'economia, tra cui Unioncamere, Cisl, Confindustria, Abi, Confagricoltura, Confcommercio, Ugl, Confesercenti, Cgil, Cna, Copagri, Agci, Legacoop, Confcooperative, Confapi, Coldiretti, Cia, Uil, Reteimprese Italia e Uecoop. In tale contesto, il ministro Orlando ha ricordato l'imminente introduzione di strumenti normativi contro la criminalità economica e, in...
AntiriciclaggioProfessionistiDiritto penale societarioDiritto PenaleDiritto

Il fallimento solo col reato di bancarotta impropria

Alessia Lupoi | 22/07/2014 L’intervento legislativo di modifica dell’articolo 223, comma 2, della Legge fallimentare, ha esteso la portata del nesso causa effetto fra la condotta dolosa e il dissesto, prima limitata alle ipotesi di bancarotta impropria «per causazione dolosa del fallimento», alla sola altra ipotesi di bancarotta impropria da reato societario. Quello di prevedere quest’unica nuova eventualità è, per i giudici di Cassazione – sentenza n. 32032 del 21 luglio 2014 - atto voluto che palesa l'intenzione del...
Diritto penale societarioDiritto PenaleDiritto

Prescrizione, disciplina ad hoc in materia di responsabilità amministrativa degli enti

Eleonora Pergolari | 15/07/2014 L'articolo 22 del Decreto legislativo n. 231/2001, detta una particolare disciplina della prescrizione in materia di responsabilità amministrativa delle persone giuridiche. Termine di prescrizione e cause interruttive Si tratta di un regime profondamente diverso da quello contenuto negli articoli 157 e seguenti del Codice penale, sia per quanto riguarda il termine di prescrizione, che viene individuato invariabilmente in cinque anni dalla data di commissione del reato, sia relativamente...
Processuale penaleDiritto PenaleDirittoDiritto penale societario

Concorso in bancarotta, ne risponde anche il sindaco

Eleonora Pergolari | 19/06/2014 Con sentenza n. 26399 del 18 giugno 2014, la Corte di cassazione ha confermato la condanna per concorso in bancarotta fraudolenta impartita dai giudici di merito nei confronti del presidente del collegio sindacale di una Spa coinvolto nel dissesto di quest'ultima. La Suprema corte ha, in proposito ricordato, come il titolo di responsabilità dei sindaci risiede, comunemente, nella violazione dei doveri di controllo e vigilanza istituzionale immanenti al loro incarico. In ogni caso – si...
Diritto penale fallimentareDiritto PenaleDirittoDiritto penale societario

Donazione delle quote come illecita influenza sull'assemblea

Eleonora Pergolari | 30/04/2014 Rischia la condanna per illecita influenza sull'assemblea dei soci l'amministratore che dona le azioni ai propri familiari al fine di condizionare la maggioranza ed evitare l'attivazione di un'azione di responsabilità a proprio carico. E' quanto evidenziato dai giudici di Cassazione nel testo della sentenza n. 17939 del 29 aprile 2014 pronunciata con riferimento ad una vicenda in cui l'amministratore e azionista di controllo di una società quotata aveva donato le quote di sua spettanza in...
Diritto penale societarioDiritto PenaleDirittoDiritto Societario

Sequestro sui beni della società favorita dall'illecito

Eleonora Pergolari | 16/04/2014 I giudici di Cassazione, con la sentenza n. 16359 del 15 aprile 2014, hanno ritenuto legittimo il sequestro ai sensi del D. Lgs. n. 231/2001 che era stato disposto sui beni di una società, coinvolta nell'ambito di un procedimento penale per aumento fittizio di capitale. Responsabilità ex D. Lgs. 231 La responsabilità della persona giuridica – si legge nel testo della decisione - non va affatto esclusa qualora l'ente, come nel caso in esame, abbia avuto un interesse concorrente a quello...
Processuale penaleDiritto PenaleDirittoMisure cautelari e di sicurezzaDiritto penale societario

Confisca nei confronti della banca

Eleonora Pergolari | 29/03/2014 Misura di sicurezza anche sui beni della società. La confisca delle cose che servirono o furono destinate a commettere il reato e delle cose che ne sono il prodotto o il profitto ex articolo 240 del Codice penale è applicabile, come misura di sicurezza patrimoniale, anche nei confronti di soggetti sforniti di capacità penale, quali le società, qualora il prezzo conseguito dalla commissione del reato sia stato utilizzato per i loro fini. E’ quanto sancito dalla Corte di cassazione nel...
Delitti e contravvenzioniDiritto PenaleDirittoDiritto penale societarioMisure cautelari e di sicurezzaProcessuale penale