Chi denigra l’azienda mette a rischio il posto

La Cassazione, con la sentenza n. 19232 del 14 settembre scorso, chiarisce che è legittimo il licenziamento nel caso in cui siano contestati al dipendente diversi episodi di denigrazione dell’immagine dell’azienda. La considerazione dei giudici è che non deve essere minata la fiducia che il datore di lavoro deve poter riporre nel dipendente. Viene precisato, inoltre, che l’intensità del provvedimento varierà a seconda del tipo di lavoro, del settore di attività, dell’oggetto delle mansioni e del grado di affidamento che esse richiedono.

Allegati

Anche in

  • ItaliaOggi, p. 32 – Vietato screditare l’azienda - Alberici
LavoroLavoro subordinatoLicenziamentoContenzioso