Consulenti del lavoro. La sospensione dei versamenti ex Decreto Liquidità

Pubblicato il


Consulenti del lavoro. La sospensione dei versamenti ex Decreto Liquidità

La Fondazione studi dei consulenti del lavoro rende disponibile sul sito l’approfondimento: “Decreto Liquidità Beneficiari e condizioni per la sospensione dei versamenti”, del 21 aprile 2020.

Scopo del lavoro è chiarire i soggetti interessati, l’ambito applicativo e le condizioni necessarie al godimento dall’art. 18, recante “Sospensione di versamenti tributari e contributivi”, del decreto legge 9 aprile 2020, n. 23 - decreto Liquidità - anche alla luce di quanto integrato dalla circolare n. 9 del 13 aprile 2020 dell’Agenzia delle Entrate.

La Fondazione ricorda che il decreto Liquidità estende a tutte le imprese, indipendentemente dall’attività economica esercitata, e ai professionisti la sospensione dei versamenti in autoliquidazione in scadenza nel mese di aprile e maggio 2020 (ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilato; trattenute relative all’addizionale regionale e comunale, operate in qualità di sostituti d’imposta; Iva e contributi previdenziali e assistenziali, nonché premi per l'assicurazione obbligatoria).

Ciò al fine di permettere alle imprese di far fronte alla crisi di liquidità causata dall’emergenza Coronavirus.

Sono emerse dall’analisi alcune criticità, risolte dalla prassi o da risolvere, su: contribuenti trimestrali Iva; forfettari ex art. 1 commi da 54 a 89 della legge 190/2014; imprese agricole; attività per le quali non sussiste l’obbligo di fatturazione.

Circa i forfettari è evidenziato che lo spostamento dei termini di versamento riguarderebbe solamente le ritenute e i contributi sul lavoro dipendente.

Il punto critico rilevato dalla Fondazione studi: “non è chiaro come sia possibile effettuare una comparazione riferita al fatturato o ai corrispettivi dei mesi di marzo e aprile 2020 sugli stessi mesi del 2019 (magari con un regime contabile diverso), tenuto conto che per i forfettari non sono previste registrazioni contabili ma solo obbligo di conservazione delle fatture e dei corrispettivi”.

Nello studio la possibile soluzione: “Per analogia il criterio adottato potrebbe essere quello riportato per le imprese agricole senza scritture contabili”.

Allegati Anche in
  • edotto.com - Edicola del 14 aprile 2020 - Decreto liquidità, Entrate su sospensione versamenti e calcolo degli acconti - Moscioni