Contributo integrativo al 4% senza distinzioni tra professionisti

Contributo integrativo al 4% senza distinzioni tra professionisti

Le professioni ordinistiche istituite con il Dlgs 103/96 hanno diritto ad applicare un contributo integrativo superiore al 2% a tutte le commesse, senza distinzione tra Pubblica amministrazione e privato.

Dalla Pa il contributo integrativo al 4% sulla parcella di tutti i professionisti

Il Consiglio di Stato, con la sentenza 4062 del 3 luglio 2018, scrive la parola fine al contenzioso tra i ministeri del Lavoro e dell’Economia, da un lato, e Epap, Cassa Ragionieri e Adepp, dall'altro, sul caso della sentenza del Tar Lazio 966/2016 che accoglieva le ragioni dei professionisti.

La sentenza pone fine all'“ingiustificabile disparità di trattamento” - come etichetta la faccenda il CdS – di biologi, psicologi, infermieri, geologi, chimici, attuari, dottori agronomi e forestali e periti industriali (professioni ordinistiche istituite con il Dlgs 103/96) rispetto a commercialisti, avvocati e ingegneri, che applicano un contributo integrativo superiore al 2% a tutte le commesse, senza distinzione tra pubblico e privato.

L'ingiustificabile disparità di trattamento

La questione:

1. il ministero del Lavoro, con nota del 7 dicembre 2012, respingeva la riforma previdenziale Epap che, prevedendo un aumento del contributo integrativo dal 2 al 4% messo in fattura a carico del cliente, non specificava che dall’aumento veniva esclusa la pubblica amministrazione;

2. Epap, con Cassa Ragionieri e Adepp, nel marzo 2013 propone ricorso al Tar del Lazio, ottenendo ragione con la sentenza 966/2016;

3. i ministeri di Lavoro ed Economia presentano ricorso (6517/2016) contro la sentenza del Tar.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com - Edicola del 23 aprile 2018 - Cassa Forense: stop al contributo minimo integrativo - Pergolari
Professionisti