09 novembre 2012

Illegittimo il provvedimento di sospensione riguardante un irregolare rapporto di tirocinio

Nel mese di settembre 2011 l’impresa Alfa S.r.l., che occupa dieci dipendenti, instaura un rapporto di tirocinio formativo e di orientamento con il neodiplomato Tizio. A tale fine Omega, quale istituzione formativa privata senza fine di lucro, autorizzata dalla competente Regione a ricoprire l’incarico di soggetto promotore, stipula la convenzione e il progetto formativo. Tizio viene assicurato all’INAIL e viene altresì stipulata polizza assicurativa per la responsabilità civile verso i terzi. Il soggetto promotore invia la documentazione relativa anche al Servizio ispettivo della DTL competente. Alfa S.r.l., in qualità di datore ospitante, omette tuttavia di comunicare preventivamente al servizio per l’Impiego, mediante modello UNILAV, l’instaurazione del tirocinio formativo. Il medesimo giorno in cui Tizio comincia la propria attività formativa gli ispettori della DTL effettuano un accesso ispettivo presso i locali di Alfa S.r.l., ove riscontrano la presenza del tirocinante. Nell’occasione gli ispettori constatano che il rapporto formativo non è stato comunicato preventivamente al Servizio per l’impiego e, attesa la sussistenza degli indici numerici previsti dall’art. 14 del D.lgs. n. 81/08, adottano il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale. È legittimo tale provvedimento di sospensione?
Contenuto riservato! Accedi o registrati gratuitamente.