Amministratore giudiziario. Tariffe professionali se è un commercialista

Amministratore giudiziario. Tariffe professionali se è un commercialista

Il compenso degli amministratori giudiziari in caso di incarichi esauriti o conclusi prima che fosse istituito l'albo degli amministratori giudiziari è al centro dell’ordinanza n. 21592 del 22 agosto 2019 emessa dalla Corte di Cassazione.

Anche la gestione di un bene da parte dell’amministratore giudiziario è configurabile come un’attività di carattere professionale. Per l’analogia della materia anche ai dottori commercialisti si applicano i criteri previsti per gli avvocati.

Come quella svolta in sede di difesa in giudizio da parte dell’avvocato, la tariffa per la liquidazione del commercialista, pertanto, è quella dei professionisti. Le tabelle sono quelle in vigore a fine attività, anche se durante la stessa i criteri siano cambiati.

Nel caso di specie, il ricorrente che aveva amministrato dei beni messi sotto sequestro dal 2009 al 2013, non andava liquidato seguendo le tabelle della legge 575/65, in vigore prima dell’introduzione del Codice antimafia (Dlgs 159/2011), ma in base alle tabelle del Dm 140/2012.

Il rinvio a tariffe e usi locali della legge 575/65, infatti, è riservato alle ipotesi in cui sia stato nominato come amministratore un soggetto che non esercita un’attività professionale.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com - Edicola del 2 agosto 2019 - Parametri commercialisti. Dal Cndcec proposta di revisione sistematica - G. Lupoi
Commercialisti ed esperti contabiliProfessionistiDiritto