ANF telematici, a settembre pronta l’utility per i Consulenti e Commercialisti

ANF telematici, a settembre pronta l’utility per i Consulenti e Commercialisti

Pronta l’utility per l’invio degli ANF telematici da parte dei Consulenti del Lavoro e Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili. Entro il mese di settembre, l’INPS dovrebbe rilasciare sul proprio portale telematico l’apposito software per permettere anche ai predetti professionisti l’opportunità di assistere i propri clienti nella gestione delle domande degli assegni per il nucleo familiare.

La notizia è giunta dal CNDCEC, con comunicato stampa dell’8 agosto 2019, ai margini del tavolo tecnico tenutosi il 7 agosto a Roma con i rappresentati dell’INPS. Durante l’incontro, sottolineano i Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, è stata anche chiesta e ottenuta la possibilità di poter attivare un filtro sugli esiti di consultazione e di poter avere i risultati delle richieste anche in formato PDF. Inoltre, sul fronte sanzionatorio, l’INPS ha sottolineato che discordanze tra importi autorizzati ed erogati dal datore non porteranno subito a una nota di addebito, ma sarà avviata una fase amministrativa con l’invio di una domanda di chiarimento.

ANF telematici dal 1° aprile 2019

Come comunicato dall’INPS con la Circolare n. 45 del 22 marzo 2019, a decorrere dal 1° aprile 2019, le domande di assegno per il nucleo familiare (cd. ANF) dei lavoratori dipendenti di aziende attive del settore privato non agricolo devono essere presentate direttamente all’INPS, esclusivamente in modalità telematica. Da tale data, infatti, è stato ormai messo in disuso il modello cartaceo “ANF/DIP” (SR16), sinora utilizzato per richiedere la prestazione sociale al proprio datore di lavoro.

Nulla è stato innovato, invece, per lavoratori dipendenti a tempo indeterminato di aziende attive del settore privato agricolo (OTI): questi ultimi possono continuare a presentare al datore di lavoro il modello “ANF/DIP” (SR16) cartaceo come attualmente previsto.

Dunque, dal 1° aprile 2019, i lavoratori devono utilizzare esclusivamente uno dei seguenti canali per richiedere gli ANF:

  • servizio online, accessibile dal portale dell’Istituto Previdenziale, previo possesso di Pin dispositivo, di un’identità Spid almeno di Livello 2 o di Carta nazionale dei servizi;
  • patronati e intermediari dell’Istituto previdenziale, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi, anche se non in possesso di Pin.

ANF telematici, intermediari abilitati

In prima battuta, per quanto riguarda le modalità di presentazione delle domande di ANF, il Messaggio n. 1430 del 5 aprile 2019 ha precisato che non esistono altri intermediari autorizzati all’invio dell’istanza al di fuori di quelli appena citati. Il documento di prassi dell’INPS, quindi, ha escluso senza mezzi termini la possibilità di assistenza nella richiesta degli ANF da parte di soggetti professionisti, quali i Consulenti del Lavoro e Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili.

Successivamente, a seguito delle richieste avanzate dagli Ordini professionali, l’INPS ha incluso tra gli intermediari in grado di assistere i diretti interessati anche i Consulenti del Lavoro ed i Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili.

ANF telematici, pronto il software per l’invio della domande

Tuttavia, nonostante l’Istituto Previdenziale avesse esteso l’opportunità per i lavoratori di farsi assistere da un professionista nell’invio degli ANF, non è stato ancora reso disponibile il relativo servizio telematico che permettesse di assolvere materialmente all’adempimento.

Ora, a distanza di diversi mesi dall’obbligatorietà telematica degli ANF, il CNDCEC informa che sarà attivata - entro il mese di settembre - l’utility per l’invio all’INPS degli ANF da parte dei Consulenti del Lavoro e dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola del 29 luglio 2019 - Consultazione importi ANF, nuove funzioni per la gestione delle istanze – Bonaddio
LavoroPrevidenzaIndennità