Cndcec-FNC, chiarimenti sul regime forfetario

Cndcec-FNC, chiarimenti sul regime forfetario

E’ del 21 febbraio 2019 il Documento di ricerca di Cndcec e FNC dal titolo “Le novità e gli ultimi chiarimenti sul regime forfetario”.

Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e la Fondazione Nazionale esaminano le modifiche subite dal regime forfetario di cui alla legge n. 190/2014, a partire dal 2019, alla luce dei chiarimenti ufficiali al momento disponibili.

L’analisi viene condotta illustrando le modifiche al regime di favore apportate dalla Legge di bilancio 2019 (L. 145/2018), che sono state l’oggetto di alcuni recenti documenti di prassi amministrativa.

Regime forfetario, novità dalla Legge di bilancio 2019

Il regime forfetario destinato agli operatori economici di ridotte dimensioni è stato introdotto dalla Legge di bilancio 2015, che ha previsto – a partire dal 1° gennaio 2015 – la possibilità di una determinazione forfetaria del reddito per alcune particolari categorie di soggetti, con la possibilità di individuazione dell’imponibile attraverso un abbattimento percentuale dei ricavi, indipendentemente da spese e oneri effettivamente sostenuti.

La recente Legge n. 145/2018 (art. 1, commi da 9 a 11) ha ulteriormente modificato il regime, ampliando la platea dei contribuenti che vi possono accedere.

Nello specifico, le modifiche sono le seguenti:

  • innalzamento del limite dei ricavi o compensi a 65.000 euro, indipendentemente dall’attività svolta;

  • eliminazione di alcuni requisiti di accesso al regime, come quello riferito alle spese per prestazioni lavorative e al costo dei beni strumentali;

  • previsione di nuove cause ostative all’accesso al regime, come quella relativa al possesso di partecipazioni in società a responsabilità limitata.

Soprattutto le nuove cause ostative hanno lasciano aperto ancora numerosi dubbi interpretativi. Nello specifico, necessitano di essere chiariti gli aspetti più delicati che riguardano, in particolare:

  • la causa di esclusione relativa ai soggetti in possesso di quote di Srl;
  • la verifica della causa relativa ai rapporti di lavoro intrattenuti con l'attuale datore di lavoro o con quello dei due precedenti periodi d'imposta.

Obiettivo dei commercialisti è quello di fare chiarezza sui dubbi ancora irrisolti.

Cndcec – Fnc, chiarimenti sul regime forfetario

Nel documento di ricerca di Cndce e Fnc vengono ribaditi alcuni importanti aspetti del regime agevolato.

Con riferimento al computo del nuovo limite di 65.000 euro di ricavi e compensi, nella soglia di accesso o permanenza che va calcolata avendo riguardo ai ricavi o ai compensi complessivamente conseguiti dall’imprenditore/professionista a prescindere dalla specifica attività cui si riferiscono, sono stati fatti rientrare anche i proventi conseguiti dalla cessione del diritto d’autore.

Ora il documento precisa che questa conclusione non può essere condivisibile, trattandosi di redditi assimilati a quelli di lavoro autonomo derivanti da attività diverse da quelle di impresa o di lavoro autonomo in senso proprio; mentre, il riferimento di cui alla Legge n. 190/2014 è ai soli "ricavi” o “compensi”, ossia ai proventi tipici di tali attività e non anche ai “redditi” derivanti da attività assimilate.

Il limite dei ricavi deve, poi, essere considerato unico per qualsiasi soggetto a prescindere dal settore economico di appartenenza.

Sotto il profilo temporale, ricorda il documento, il regime forfetario non prevede limiti legati al numero di anni di esercizio dell’attività o al raggiungimento di una determinata età anagrafica.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola del 1 febbraio 2019 - Telefisco 2019. Uscita dal forfetario l’anno successivo al superamento della soglia – Moscioni
ProfessionistiCommercialisti ed esperti contabili