Corrispettivi senza registratori telematici. Online il servizio per l’invio

Corrispettivi senza registratori telematici. Online il servizio per l’invio

Sono disponibili, nell'area riservata del portale Fatture e Corrispettivi, i servizi per l’invio telematico dei corrispettivi da parte degli operatori che, nei primi sei mesi dall’introduzione dell’obbligo, non abbiano la disponibilità di un registratore telematico.

Con avviso del 29 luglio 2019 sul sito, l’Agenzia delle entrate informa dell’avvio dei servizi online che consentono ai contribuenti di assolvere all’obbligo di memorizzazione e trasmissione dei dati alle Entrate (ex DLgs. 127/2015), con le modalità stabilite con provvedimento del 4 luglio 2019, nel periodo transitorio.

Corrispettivi senza registratori telematici con periodo transitorio di sei mesi

Il decreto crescita (Dl n. 34/2019) ha previsto che: “nel primo semestre di vigenza dell’obbligo di cui al comma 1, decorrente dal 1° luglio 2019 per i soggetti con volume di affari superiore a euro 400.000 e dal 1° gennaio 2020 per gli altri soggetti, le sanzioni previste dal comma 6 non si applicano in caso di trasmissione telematica dei dati relativi ai corrispettivi giornalieri entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, fermi restando i termini di liquidazione dell’imposta sul valore aggiunto”.

I servizi nell’area riservata del portale Fatture e Corrispettivi, accesso dal link “Corrispettivi per esercenti non in possesso di RT (soluzione transitoria)”

I dati possono essere inviati con i diversi servizi disponibili direttamente dal contribuente o da un intermediario abilitato.

Un primo servizio web consentirà l’upload di:

  •  un file con i dati dei corrispettivi complessivi di una singola giornata, distinti per aliquota Iva o con indicazione del “regime di ventilazione” (senza distinzione tra imponibile e imposta);
  •  oppure un file compresso con i file dei dati dei corrispettivi delle singole giornate.

Un secondo servizio, permetterà la compilazione dei dati dei corrispettivi complessivi giornalieri, sempre distinti per aliquota Iva o con l’indicazione del “regime di ventilazione”.

In alternativa, c’è l’invio “extraportale”: consentirà la trasmissione dei dati dei corrispettivi giornalieri tramite protocollo https o sftp, mediante un sistema di cooperazione applicativa.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com - Edicola del 5 luglio 2019 - Corrispettivi giornalieri. Online i servizi di trasmissione per chi non ha il Registratore Telematico - Moscioni
FiscoImposte indiretteIVAImposte