Dall’F24 transitano in compensazione 23,4 miliardi

Pubblicato il



Il modello F24, nato con il compito di semplificare i rapporti tra Fisco e contribuente, è uno strumento utilizzato per pagare le imposte sui redditi e ritenute alla fonte, Iva, tributi locali, imposte sostitutive delle imposte sui redditi e dell'Iva; Irap; addizionale regionale o comunale all'Irpef; contributi e premi Inps, Inail, Enpals, Inpdai; diritti camerali e interessi in caso di pagamento rateale. Il modello viene utilizzato anche per pagare tutte le somme dovute in caso di liquidazione e controllo formale della dichiarazione, avviso di accertamento, avviso di irrogazione sanzioni, accertamento con adesione, conciliazione giudiziaria e ravvedimento. Nel corso del 2005, sia i privati che le imprese hanno preso confidenza con il modello tanto che l'importo totale delle imposte versato tramite esso ha superato i 261 miliardi di euro, evidenziando un incremento di 15 volte superiore a quello dell'anno precedente. Il progresso maggiore è stato quello fatto registrare dalle imposte indirette, salite a 131,7 miliardi contro i 116,9 del 2004. Il saldo delle imposte dirette si è fissato nel 2005 a 128,5 miliardi di euro. Anche per quanto riguarda le compensazioni, sempre attraverso il modello F24, lo scorso anno si è raggiunta la cifra record di 23,4 miliardi di euro.

Allegati