Garate privacy, ok a correzioni nel 730 precompilato e corsia preferenziale per i Caf

Garate privacy, ok a correzioni nel 730 precompilato e corsia preferenziale per i Caf

Il Garante della privacy ha espresso la propria approvazione sui due provvedimenti dell’Agenzia delle Entrate, contenenti alcune novità per il 730 precompilato.

I due documenti a firma del direttore, Ernesto Maria Ruffini, attendono ora di essere ufficializzati.

Spese sanitarie e veterinarie rettificabili nel 730 precompilato

Con il provvedimento n. 194/2018 del 5 aprile 2018, il Garante della privacy ha espresso parere favorevole su uno schema di provvedimento delle Entrate in materia di spese sanitarie e veterinarie rettificabili nel modello 730 precompilato.

Nello specifico, è stato rilevato che lo schema recante “Modalità tecniche di utilizzo dei dati delle spese sanitarie e delle spese veterinarie ai fini della elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata, a decorrere dall’anno d’imposta 2017” introduce per il contribuente, a partire dalla dichiarazione precompilata 2018, una nuova funzionalità di rettifica dei dati delle spese sanitarie e veterinarie indicate nella dichiarazione precompilata attraverso la consultazione dei dati sul Sistema TS.

In altri termini, da quest'anno, ci sarà un'area a cui potrà accedere il solo contribuente che potrà intervenire direttamente sul dato relativo alle sue spese sanitarie e veterinarie, nel caso in cui ravvisi errori o imprecisioni.

Caf-Entrate dialogo in tempo reale

Con il provvedimento n. 195/2018, invece, il Garante della privacy ha dato il via libera allo schema di provvedimento per l’accesso alla dichiarazione precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati.

Al fine di consentire un dialogo in tempo reale tra i Centri di assistenza fiscale e l’Agenzia delle Entrate sul modello 730 precompilato, è stata messa a punto una corsia preferenziale informatica, pensata proprio con lo scopo di realizzare una cooperazione applicativa in una cornice di sicurezza.

Attualmente, il flusso di dati è gestito con risposte che possono attendere dagli uno ai tre giorni. Con la corsia preferenziale, invece, i Caf selezionati per la sperimentazione invieranno la chiamata al server dell'Agenzia e la risposta arriverà immediatamente; allo stesso tempo, l'Agenzia chiederà il riscontro della delega del contribuente, affidata al Caf.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola del 24 febbraio 2018 - Precompilata. Opposizione all'inserimento spese mediche fino all'8 marzo – G. Lupoi
FiscoModello 730Modelli di dichiarazione e di versamentoDichiarazioni
festival del lavoro