Gestione deleghe per aziende agricole

Gestione deleghe per aziende agricole

Poiché la nuova disciplina prevede che la profilazione e l’abilitazione ai servizi per l’agricoltura avvengano con la procedura di “Gestione deleghe”, l’INPS ha implementato il sistema in questione.

Con messaggio INPS n. 1618 del 13 aprile 2018 è stata, infatti, data la notizia che, a partire dal 20 aprile e fino al 20 maggio 2018, i professionisti titolari delle deleghe indirette e le associazioni di categoria dovranno provvedere alla validazione ed attivazione delle stesse.

Per effettuare tale operazione, gli utenti dovranno accedere all’applicazione “Gestione deleghe” nel portale INPS e selezionare la sezione “Dettagli Delega/Subdelega”: in tale sezione sarà possibile visualizzare l’elenco delle deleghe migrate che risulteranno tutte da attivare.

Le deleghe dirette dei titolari delle aziende e dei loro rappresentanti saranno validate direttamente dal sistema centrale, purché venga rilevata la corrispondenza tra il codice fiscale del soggetto (titolare/rappresentate legale) ed il codice fiscale aziendale; in caso contrario, il soggetto dovrà richiedere alla sede competente la corretta registrazione del legame con il codice fiscale del soggetto contribuente presente negli archivi della gestione agricola.

Nel caso in cui, a seguito delle operazioni di verifica, non scaturiscano incongruenze, i soggetti riferiti alla tipologia “Titolare azienda” e “Legale rappresentante azienda” saranno autorizzati a rilasciare sub-deleghe.

I soggetti identificati dalla fattispecie “Delegato dal titolare Azienda” non saranno automaticamente censiti come sub-delegati, ma sarà il titolare/legale rappresentante dell’azienda che, tramite la procedura “Gestione Deleghe”, provvederà a creare una delega per il proprio dipendente.

Al termine della validazione le deleghe saranno pienamente operative.

Dal 31 maggio 2018, l’accesso ai servizi del Cassetto previdenziale Aziende Agricole e alla procedura di iscrizione delle aziende agricole sarà consentito esclusivamente agli utenti abilitati in “Gestione deleghe” e, dal 1° luglio 2018, per l’acquisizione delle denunce di manodopera di competenza del secondo trimestre, saranno abilitate alla procedura DMAG esclusivamente le deleghe presenti in Gestione Deleghe Uniemens.

Ribadisce, infine, il messaggio che non sono autorizzati alla gestione degli adempimenti contributivi e previdenziali i centri di elaborazione dati (CED), i quali possono effettuare esclusivamente attività esecutive e di servizio; alla medesima disciplina sono soggetti i tributaristi e gli esperti tributaristi, i consulenti fiscali e i revisori contabili che possono svolgere solo adempimenti di natura fiscale.

Pertanto, le citate tipologie di professionisti non potranno fare richiesta di profilazione.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola dell’1 marzo 2018 – Prorogato il termine per il passaggio dal DMAG all’UniEmens – Schiavone
LavoroPrevidenza