INL/consulenti, Osservatorio nazionale per la legalità e banca dati contro abusivismo

INL/consulenti, Osservatorio nazionale per la legalità e banca dati contro abusivismo

Si è svolto a Roma, presso l’Auditorium dei Consulenti del Lavoro, il confronto tra i Coordinatori regionali dell’Ordine e i dirigenti nazionali e territoriali dell’Ispettorato nazionale del lavoro sulle principali tematiche di interesse comune.

A conclusione dell'incontro sono stati firmati due protocolli d’intesa con gli obiettivi di contrastare:

  • il lavoro irregolare e sommerso, tutelando imprese e lavoratori, attraverso la creazione di un “Osservatorio nazionale per la legalità”;
  • l’abusivismo professionale, per tutelare la professione di Consulente del Lavoro, soprattutto nei confronti di quei soggetti che svolgono gli adempimenti in materia di lavoro senza i requisiti previsti dalla legge.

Gli strumenti

Con l' “Osservatorio nazionale per la legalità”, nelle aspettative fulcro nevralgico per la corretta regolamentazione del mondo del lavoro, l’analisi delle problematiche e lo sviluppo di iniziative volte alla tutela dei lavoratori, si intende anche sensibilizzare imprese, lavoratori ed operatori del mercato del lavoro sulle criticità derivanti da pratiche di dumping contrattuale e sociale, appalti irregolari, somministrazione ed intermediazione illecite, fenomeni di caporalato ed utilizzo distorto dell’istituto della cooperativa.

Contro l'abusivismo, Il Consiglio nazionale metterà a disposizione degli ispettori una banca dati degli iscritti all’albo professionale col fine di far verificare l’effettività dell’iscrizione.

I commenti sull'osservatorio

I commenti dei firmatari nel comunicato stampa del 9 febbraio 2018 dei consulenti.

La Presidente dei consulenti, Marina Calderone, chiosa: “con la nascita dell’Osservatorio per la legalità puntiamo a valorizzare il lavoro etico facendo leva sul nostro ruolo sussidiario ovvero trasmettendo al personale ispettivo tutte le segnalazioni che perverranno dagli iscritti e dai Consigli provinciali. Organizzeremo incontri, seminari ed iniziative culturali che possano sensibilizzare gli operatori del mercato del lavoro e l’intera collettività”.

Paolo Pennesi, capo dell’Ispettorato nazionale del lavoro, ha dichiarato: “... abbiamo accolto con grande interesse la proposta del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di dare vita ad un Osservatorio sulla cooperazione e l'avvio di attività di vigilanza straordinaria, soprattutto per quelle realtà cooperativistiche che operano nel settore della logistica e fanno ampio ricorso ad appalti e somministrazione”.

ProfessionistiConsulenti del lavoro