La legge di Bilancio alza l'asticella per i forfettari

La legge di Bilancio alza l'asticella per i forfettari

Per rientrare nel regime dei forfettari, con tassa piatta al 15%, rileva solo l’importo di ricavi e compensi non superiori a 65mila euro.

Infatti, per accedere al regime di vantaggio con flat tax non si devono più possedere i vecchi requisiti dell’esiguità del costo per lavoro dipendente e dei beni strumentali.

La legge di Bilancio 2019 prevede che la sostitutiva al 15% scatti quando non si superano, nel 2018, i 65mila euro di ricavi o compensi, in base alle regole fiscali applicate nel 2018.

La sostituiva è comprensiva di Irpef, addizionali e Irap, se dovuta.

I forfettari devono emettere la fattura senza applicazione dell’Iva, in quanto l’applicazione potrebbe essere presa come rinuncia al regime forfettario.

Dunque, sulla fattura va posta l’annotazione “non soggetta a Iva legge 190/2014 – regime forfettario” .

A proposito di fattura: i forfettari sono esclusi dall'obbligo di fatturazione elettronica.

Inoltre, è stabilito che la tassa piatta è compatibile con il reddito di lavoro dipendente, poiché è stato abolito il limite di 30mila euro di redditi di lavoro dipendente o di pensione che impedivano l’accesso al regime forfettario, a condizione che il forfettario effettui operazioni prevalentemente con soggetti diversi dal datore di lavoro.

Dal prossimo anno flat del 15 e del 20

I ricavi o compensi 2019 superiori a 65mila euro e fino a 100mila euro saranno tassati nel 2020 con la flat tax al 20%.

Allegati

Economia e FinanzaImposteImposte indiretteFiscoIVA
festival del lavoro