Lavoro autonomo/smart working: sospensione versamento contributivo in caso di malattia grave

Pubblicato il


Lavoro autonomo/smart working: sospensione versamento contributivo in caso di malattia grave

Come chiarito dall’INPS, con circolare n. 69 dell’11 maggio 2018, rientrano nell’ambito di applicazione della Legge n. 81/2017 (meglio conosciuta come Jobs Act dei Lavoratori autonomi e smart working) le professioni intellettuali “regolamentate”, per le quali è prevista l’iscrizione ad un albo, e le professioni intellettuali “non regolamentate”.

Con particolare riferimento alla possibilità di sospendere i versamenti contributivi in caso di malattia o infortunio grave tali da impedire lo svolgimento dell'attività lavorativa per oltre sessanta giorni, l’Istituto ha chiarito che tale sospensione opera per l'intera durata della malattia o dell'infortunio fino ad un massimo di due anni.

Al termine della sospensione, il lavoratore è, però, tenuto a versare i contributi ed i premi maturati durante il periodo di sospensione in un numero di rate mensili pari a tre volte i mesi di sospensione.

In assenza di specifica indicazione normativa, le disposizioni in questione interessano sia i titolari di partita IVA sia i collaboratori coordinati e continuativi e, poiché l’obbligo contributivo è in capo:

  • al professionista, se titolare di partita IVA o associato;
  • al committente, se il rapporto è una collaborazione coordinata e continuativa, con obbligo di rivalsa sul prestatore di 1/3 del contributo;

nel caso di specie il committente deve:

  • inviare il flusso UniEmens del prestatore interessato indicando il codice di sospensione S1;
  • sospendere il versamento della contribuzione sia a carico del collaboratore che a carico dell’azienda committente;
  • effettuare il versamento in un’unica soluzione o richiedere la rateazione degli importi sospesi (con aggravio degli interessi legali) al termine del periodo di sospensione e comunque trascorsi due anni dall’inizio dell’evento;

mentre il professionista deve:

  • indicare nel quadro RR, sez. II, l’importo della contribuzione sospesa;
  • sospendere il versamento della contribuzione dovuta (saldo e/o acconto dovuto nel periodo di sospensione);
  • presentare all’Istituto una richiesta di sospensione tramite il Cassetto previdenziale liberi professionisti Gestione separata - Comunicazione bidirezionale;
  • effettuare il versamento in unica soluzione o richiedere la rateazione degli importi (con aggravio degli interessi legali) al termine del periodo di sospensione e comunque trascorsi due anni dall’inizio dell’evento.
Allegati Anche in
  • eDotto.com – Edicola del 14 giugno 2017 – In Gazzetta Jobs Act lavoratori autonomi e smart working – Schiavone