Maggiore (Entrate) in audizione. Precompilata Iva fra le semplificazioni fiscali

Maggiore (Entrate) in audizione. Precompilata Iva fra le semplificazioni fiscali

Nuove semplificazioni nella materia tributaria in arrivo per i contribuenti. Grazie ai dati raccolti tramite la fatturazione elettronica ed i corrispettivi telematici sarà possibile, per l’Amministrazione finanziaria, erogare maggiori servizi diretti a semplificare e ridurre gli adempimenti fiscali.

E’ uno dei passaggi contenuti nell’audizione del direttore delle Entrate, Antonino Maggiore, in commissione finanze e tesoro del Senato riguardante l'indagine conoscitiva sul processo di semplificazione del sistema tributario e del rapporto tra contribuenti e fisco.

Semplificazione fiscale. Dopo la dichiarazione dei redditi anche l’Iva precompilata

Maggiore ha anticipato che le informazioni derivanti dalla fatturazione elettronica ed i corrispettivi telematici rappresentano la base di partenza per attuare le disposizioni dell’articolo 4 del Dlgs 127/2015, così da permettere all’Agenzia di predisporre, a partire dal periodo d’imposta 2020:

  • le bozze dei registri IVA che il contribuente, anche tramite il suo intermediario, potrà verificare ed eventualmente integrare;
  • le bozze di comunicazioni di liquidazione periodica IVA, con relativo servizio di elaborazione del modello F24 e pagamento online;
  • la bozza di dichiarazione IVA.

Inoltre, i dati delle fatture elettroniche e dei corrispettivi telematici potranno essere di aiuto per eliminare alcuni adempimenti comunicativi che oggi sono posti a carico dei soggetti che trasmettono i dati necessari ai fini dell’elaborazione della dichiarazione precompilata.

Semplificazione fiscale. Digitale come canale preferenziale

Cardine del processo di semplificazione che sarà messo in atto dall’agenzia delle Entrate è l’uso del canale digitale, “Digital first”.

Quindi, attraverso l’uso del digitale come canale preferenziale, sarà possibile ridurre e semplificare gli oneri connessi agli adempimenti fiscali ed allo stesso tempo garantire completezza e coerenza dei dati.

I servizi digitali saranno sempre più personalizzati e pensati sulla base delle esigenze concrete dell’utente più che sulle esigenze dell’amministrazione.

Semplificazione fiscale. Lettere di compliance

Il processo di semplificazione non può non passare attraverso le lettere di compliance che, si ricorda, consistono in comunicazioni inviate ai contribuenti non risultanti in regola con la compilazione della dichiarazione dei redditi.

Con tali lettere, il contribuente può verificare l’esattezza o meno delle anomalie rilevate e, quindi, decidere di regolarizzare la propria posizione, per evitare di incorrere in avvisi di accertamento.

Semplificazione fiscali. Dichiarazioni d’intento

Tra le facilitazioni previste in materia di dichiarazioni d’intento - confermati la trasmissione telematica della dichiarazione d’intento all’Agenzia delle entrate da parte del soggetto cessionario e l’obbligo d’indicazione degli estremi della stessa nelle fatture emesse dal cedente - non è più previsto che tale denuncia, insieme alla ricevuta di presentazione telematica, sia consegnata al fornitore o prestatore ovvero in dogana.

Rimane, però, a disposizione dell’agenzia delle Dogane la banca dati delle dichiarazioni d’intento per le opportune verifiche nel caso di utilizzo del plafond in dogana.

Inoltre vengono eliminati:

  • l’obbligo per il cedente/prestatore di riepilogare in dichiarazione IVA i dati contenuti nelle dichiarazioni d’intento ricevute;
  • l’obbligo, sia per il dichiarante sia per il fornitore/prestatore, di annotare in apposito registro le dichiarazioni emesse/ricevute.

Altri argomenti

Nel suo intervento, Maggiore ha affrontato anche i seguenti argomenti:

  • l’evoluzione del sistema di notifica degli atti;
  • gli accordi preventivi;
  • il progetto di legge recante “Disposizioni per la semplificazione fiscale, il sostegno delle attività economiche e delle famiglie e il contrasto dell’evasione fiscale”;
  • la pace fiscale.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola dell’8 novembre 2018 - Entrate in audizione sul Ddl semplificazione fiscale. Proposta la precompilata Iva - Moscioni
Fisco
festival del lavoro