Pacchetto pensioni Sindacati chiedono estensione dell’Ape

Pacchetto pensioni Sindacati chiedono estensione dell’Ape

Capitolo pensioni ancora sul tavolo Governo-sindacati, dove sono impegnati a cercare aggiustamenti soprattutto nell’ambito dell’Ape sociale.

I sindacati continuano nel ritenere che vadano ampliate le possibilità di accesso all’Ape, soprattutto per le donne. Dal canto suo, il ministro Poletti deve fare i conti con le risorse disponibili per il settore pensionistico. Sul punto il ministro, nel question time alla Camera, ha riferito che sarà convocata una conferenza dei servizi, che dovrà occuparsi anche della presunta discriminazione data dal mancato riconoscimento dei contributi versati all'estero e dall’esclusione dei lavoratori autonomi.

Le parti sindacali si battono anche per il congelamento dell’adeguamento automatico dell’età pensionabile all’aspettativa di vita, a partire dal 2019 ma che va definito entro il 2017.

Il discorso “pensioni” sarà ripreso dopo la presentazione della Nota di aggiornamento del Def.

Giovani

E' dato per certo che la legge di Bilancio 2018 contenga la riduzione del 50% dei contributi per 3 anni in caso di assunzioni di giovani, ma l’idea – ha affermato Poletti - è di rendere fissa nel tempo la misura. L’esecutivo ha reso noto che le misure adottate ad iniziare dal 2015 a favore dei giovani che si avvicinano al lavoro hanno dato buoni frutti: il bonus occupazione Sud e il bonus garanzia giovani hanno permesso di sottoscrivere un alto numero di contratti a favore delle fasce giovanili.

Anche in

  • eDotto.com – Edicola 13 settembre 2017 - Pensioni, Boeri boccia il piano del Governo sugli sconti alle mamme – Schiavone
Lavoro