Quattordicesima ai pensionati

Pubblicato il


Quattordicesima ai pensionati

Anche quest’anno arriva la c.d quattordicesima per i pensionati ultrasessantaquattrenni.

L’INPS, con messaggio n. 2831 del 27 giugno 2016, ha ricordato che nel mese di luglio 2016 sarà erogata la somma aggiuntiva determinata in funzione dell’anzianità contributiva complessiva accreditata nella gestione di appartenenza a carico della quale è liquidato il trattamento principale.

Chiarisce l’Istituto che in caso di prima erogazione (rientrano in tale ipotesi tutti coloro che negli anni precedenti non hanno percepito la somma aggiuntiva), il reddito complessivo da prendere a riferimento è quello dell’anno in corso.

Qualora si tratti di erogazione successiva alla prima, il reddito da prendere a riferimento è costituito dai redditi per prestazioni conseguiti nello stesso anno, sommati ai redditi diversi.

Corresponsione

La somma aggiuntiva è stata attribuita a livello generalizzato sulla mensilità di pensione di luglio 2016 ai soggetti che sono risultati in possesso dei requisiti reddituali previsti e che alla data del 31 luglio 2016 avranno un’età maggiore o uguale a 64 anni.

Per coloro che perfezionano il requisito anagrafico richiesto dal 1° agosto 2016 in poi, la corresponsione sarà effettuata sulla rata di dicembre 2016.

I potenziali beneficiari titolari di pensione delle gestioni private e di spettacolo e sport possono in ogni caso presentare domanda, on line se in possesso di PIN, ovvero rivolgersi a un patronato, per ottenere il beneficio non attribuito.

Comunicazione ai pensionati

Ai pensionati delle gestioni private e dello spettacolo e sport ai quali viene corrisposta la somma aggiuntiva è stata inviata la consueta comunicazione.

I pensionati saranno, inoltre, informati del pagamento della somma aggiuntiva nell’apposita voce sul cedolino del mese di luglio 2016.

Conclude il messaggio n. 2831/2016 evidenziando che per i pensionati delle gestioni ex ENPALS, la comunicazione della disposizione di pagamento della somma aggiuntiva è inserita all'interno delle annotazioni del certificato di pensione.