Redditi fondiari, scadenza denuncia variazioni

Pubblicato il


Redditi fondiari, scadenza denuncia variazioni

Scade lunedì 1° febbraio 2016 il termine per presentare la denuncia annuale delle variazioni dei redditi fondiari dei terreni, che sono intervenute nel 2015.

Soggetti interessati

Tutti coloro che risultano possessori di reddito dominicale (che deriva dalla proprietà del fondo) e agrario (che proviene dall'esercizio dell'attività agricola) sono chiamati a presentare la denuncia annuale delle variazioni verificatisi nel 2015. Se il terreno è dato in locazione per uso agricolo, la denuncia può essere presentata direttamente dall'affittuario. Sono esonerati, invece, i proprietari dei fondi soggetti a "riclassamento automatico", cioè coloro che per richiedere i contributi agricoli comunitari, hanno correttamente dichiarato all'Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura) l'uso del terreno.

Perchè comunicare la variazione del reddito?

Il reddito dominicale viene determinato in base alle tariffe d'estimo, elaborate a livello locale in funzione della qualità e della classe della coltura applicata al terreno. Queste tariffe possono variare se sopraggiungono esigenze particolari e, comunque, ogni dieci anni.

Tali variazioni possono essere in aumento o in diminuzione in base alla variazione della qualità delle colture registrate in Catasto o, nel caso di diminuzione, se vi è una diminuzione della capacità produttiva del terreno.

Inoltre la variazione, in aumento o in diminuzione, del reddito dominicale e agrario comporta la conseguente revisione del classamento dei terreni.

In generale, le variazioni in aumento e in diminuzione devono essere denunciate entro il 31 gennaio dell'anno successivo a quello della variazione e hanno effetto da tale anno. Quest'anno il 31 gennaio cade di domenica e la scadenza è spostata al 1° febbraio.

In caso di omessa denuncia delle situazioni che danno luogo a variazione in aumento dei redditi fondiari dei terreni, è prevista l'applicazione di una sanzione amministrativa da 250 a 2mila euro.

Modalità di presentazione

La presentazione deve essere effettuata, in modalità telematica, utilizzando il software Docte 2.0 oppure presentando la dichiarazione al competente Ufficio Provinciale-Territorio dell'Agenzia delle Entrate.

Links