Regione Liguria: contributi per tirocini e assunzioni di giovani tra 29 e 35 anni

Pubblicato il



La Regione Liguria ha promosso un bando rivolto ai datori di lavoro privati finalizzato a raccogliere la disponibilità da parte di datori di lavoro ad accogliere giovani in azienda per l’attivazione di un’esperienza di tirocinio della durata di sei mesi, finalizzata ad un inserimento occupazionale con contratto a tempo indeterminato.

Gli interventi prevedono l’impegno del datore di lavoro ad accogliere in tirocinio un lavoratore nel profilo professionale e secondo le modalità definite dal progetto formativo e, se l’esperienza ha esito positivo in termini di competenze acquisite dal giovane e di valutazione attitudinale dello stesso, il percorso può portare all’assunzione del tirocinante a seguito della quale il datore di lavoro può accedere ad un incentivo occupazionale.

Il percorso di assunzione è destinato a giovani che si trovino al di fuori di percorsi di studio, con età compresa tra i 29 e i 35 anni (ovverossia con età compresa tra i 29 anni compiuti e 36 anni meno un giorno). Il requisito dell’età si intende posseduto al momento della pre-selezione a cura del CPI.

La domanda di preselezione del tirocinante deve essere effettuata dal datore di lavoro di lavoro, tramite la procedura on line prevista dal servizio Match o presso lo sportello Match del CPI.

Ai giovani che partecipano al percorso è erogata, da parte del datore di lavoro, per tutto il periodo di svolgimento del tirocinio un’indennità di partecipazione dell’importo di € 500 mensili per la durata del tirocinio per un importo totale di € 3.000. Tale importo, per una quota pari a € 250 mensili (e per un importo complessivo pari a € 1.500) è a carico dalla Provincia e per la restante quota pari a € 250 mensili a carico del datore di lavoro ospitante.

Il datore di lavoro che proceda all’assunzione del tirocinante, anche anticipando il termine del tirocinio, riceverà un contributo sotto forma di incentivo occupazionale pari alla somma degli importi sostenuti nella corresponsione dell’indennità di partecipazione al tirocinante (quota aziendale) e della premialità riconosciuta per l’assunzione di questi specifici destinatari.

L’incentivo occupazionale ha un valore massimo di 4.600 euro e verrà erogato dalla Provincia al datore di lavoro secondo le seguenti modalità:
• un contributo pari all’importo sostenuto di 1.500 Euro o 1.200 Euro qualora siano stati sottoscritti gli accordi sindacali o a 900 Euro qualora l’impresa risulti iscritta al RSI o gli interventi siano rivolti ai lavoratori di cui all’art.1 della L. 68/1999;
• un contributo dell’importo di 3.000 Euro, che è incrementato del 10% qualora siano stati sottoscritti gli accordi sindacali o del 20% qualora l’impresa risulti iscritta al RSI o gli interventi siano rivolti ai lavoratori di cui all’art.1 della L. 68/1999;
• ulteriori euro 100,00 a titolo di premialità aggiuntiva.
Allegati