Riforma del fallimento: varo definitivo dal Consiglio dei ministri

Riforma del fallimento: varo definitivo dal Consiglio dei ministri

Il Consiglio dei ministri ha definitivamente approvato il decreto legislativo di riforma del fallimento, predisposto in attuazione della delega contenuta nella Legge n. 155/2017.

Il nuovo “codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza”, ratificato nella seduta del 10 gennaio 2019, introduce una riforma organica della disciplina delle procedure concorsuali ed è stato varato alla luce delle espresse finalità di consentire una diagnosi precoce dello stato di difficoltà delle imprese e di salvaguardare la capacità imprenditoriale dei soggetti che vanno incontro al fallimento.

Nuovo codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza

Tra i principali interventi contenuti nel testo di riforma si segnala:

  • l’introduzione di procedure di allerta finalizzate a consentire la pronta emersione della crisi, comprese norme premiali in favore dell’imprenditore che azioni i nuovi meccanismi;
  • la sostituzione del termine “fallimento” con l’espressione “liquidazione giudiziale”;
  • la prioritaria trattazione delle proposte che implichino il superamento della crisi assicurando la continuità aziendale;
  • una disciplina uniforme e semplificata dei diversi riti speciali in materia concorsuale;
  • la riduzione dei tempi e dei costi connessi delle procedure concorsuali;
  • l’istituzione di un albo dei soggetti incaricati, dal tribunale, a svolgere funzioni di gestione o di controllo nelle procedure concorsuali, con l’indicazione dei requisiti di professionalità esperienza e indipendenza necessari all’iscrizione;
  • la preferenza che viene accordata, tra gli strumenti di gestione delle crisi e dell’insolvenza, alle procedure alternative rispetto a quelle dell’esecuzione giudiziale;
  • un’armonizzazione delle procedure di gestione della crisi e dell’insolvenza del datore di lavoro, con forme di tutela dell’occupazione e del reddito di lavoratori;
  • l’introduzione di una procedura unitaria per la trattazione dell’insolvenza delle società nei gruppi d’impresa;
  • un ampliamento dei margini di manovra del Pm in ambito fallimentare;
  • nuovi parametri per la nomina dell'organo di controllo o del revisore nelle Srl, con sostanziale ampliamento della platea dei soggetti che dovranno provvedere alla nomina di sindaci o revisori.

Organo di controllo per le SRL

Con particolare riferimento a quest’ultimo intervento, nel dettaglio, viene introdotta una modifica al Codice civile, ai sensi della quale la nomina dell’organo di controllo o del revisore è obbligatoria se la società:

  • è tenuta alla redazione del bilancio consolidato;
  • controlla una società obbligata alla revisione legale dei conti;
  • ha superato, per due esercizi consecutivi, uno dei limiti specificamente previsti (ovvero 2milioni di euro di ricavi o di attivo o personale oltre le 10 unità).

Statuti da adeguare entro 9 mesi

Da segnalare che, nell’ultima versione del testo di riforma, sono state introdotte ulteriori novità collegate a questo intervento ovvero:

  • diventano tre gli esercizi consecutivi entro cui i limiti non devono essere superati affinché l'obbligo di nomina del sindaco o del revisore venga meno;
  • si prevede che il monitoraggio riguardi i due esercizi antecedenti la scadenza per l'adeguamento dello statuto delle Srl alle nuove disposizioni, adeguamento, quest'ultimo, che dovrà avvenire entro 9 mesi dall’entrata in vigore della riforma.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola 9 novembre 2018 - Crisi d’impresa e insolvenza. Primo sì alla riforma – Pergolari
DirittoDiritto fallimentareConcordato preventivoFallimento