Rinvio cartelle: DL in Gazzetta. Un mese in più per Digital tax

Pubblicato il



Rinvio cartelle: DL in Gazzetta. Un mese in più per Digital tax

Il decreto-legge contenente il rinvio al 31 gennaio prossimo delle notifiche e dei termini di versamento delle cartelle, pubblicato in G.U. n. 11 del 15 gennaio 2021, è entrato in vigore il giorno stesso della pubblicazione.

Dunque il DL n. 3 del 15 gennaio ha fissato il differimento dei termini previsti per la notifica degli atti di accertamento, di contestazione, di irrogazione delle sanzioni, di recupero dei crediti di imposta, di liquidazione e di rettifica e liquidazione.

DL su rinvio delle cartelle. Stop anche ai relativi versamenti

Non solo, il provvedimento sposta al 31 gennaio 2021 anche il termine di scadenza dei versamenti, derivanti da cartelle di pagamento, nonché dagli avvisi esecutivi previsti dalla legge, relativi alle entrate tributarie e non, sospesi dall’art. 68, comma 1, DL n. 18/2020. Ciò significa che il pagamento va effettuato entro il 28 febbraio 2021, in quanto detto articolo dispone che “i versamenti oggetto di sospensione devono essere effettuati in unica soluzione entro il mese successivo al termine del periodo di sospensione”.

Inoltre, devono ritenersi sospesi sino al 31 gennaio 2021 i pignoramenti di salari e stipendi, nonché le procedure di blocco dei pagamenti delle Pubbliche Amministrazioni in presenza di debiti iscritti a ruolo sopra i 5.000 euro.

Imposta sui Servizi digitali (Digital tax). Si parte dal 16 marzo 2021

All’interno del Dl n. 3/2021 ha trovato spazio anche la proroga per l’imposta sui Servizi digitali.

Il versamento della tassa dovrà essere effettuato non più il 16 febbraio bensì il 16 marzo 2021 e la relativa dichiarazione dovrà essere trasmessa all’Agenzia delle Entrate entro il 30 aprile invece che entro il 31 marzo 2021.

Allegati