Silenzio in società

Pubblicato il



Il socio che, tramite e-mail, critica la gestione aziendale facendo pesanti insinuazioni, rischia la condanna per diffamazione a meno che non riesca a provare la veridicità di quanto sostiene.
Lo conferma la Cassazione nella sentenza n. 16420 del 21 aprile 2008, ridimensionando di molto il diritto di critica nel rapporto tra i soci.
Anche in
  • ItaliaOggi, p. 36 – Silenzio in società - Alberici