Sismabonus acquisti anche con acconti sul prezzo dell’immobile

Pubblicato il


Sismabonus acquisti anche con acconti sul prezzo dell’immobile

Accesso all’agevolazione Sismabonus acquisti anche in caso di importi versati in acconto per la vendita dell’immobile, se il preliminare viene registrato entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi utile per la detrazione.

E’ uno dei chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate con risposta n. 5 del 16 gennaio 2020, a seguito di quesiti posti da una società che intende realizzare unità immobiliari risultanti da demolizione e ristrutturazione di preesistenti edifici, effettuando interventi relativi a misure antisismiche.

Sismabonus acquisti. La disciplina

E’ l’articolo 16, comma 1-septies, DL n. 63/2013 che disciplina la detrazione a favore degli acquirenti di immobili venduti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare, che hanno demolito e ricostruito gli edifici, effettuando interventi relativi all'adozione di misure antisismiche, anche apportando una variazione volumetrica rispetto all'edificio preesistente.

Si può beneficiare di una detrazione pari al 75 o all'85% (a seconda che l'intervento di demolizione e ricostruzione determini il passaggio ad una o a due classi di rischio sismico inferiore) del prezzo della singola unità immobiliare, risultante nell'atto di compravendita. E’ fissato un tetto massimo di spesa pari a 96mila euro per unità immobiliare.

La disciplina prevede che gli acquirenti, al posto della detrazione, possano scegliere di cedere il corrispondente credito alle imprese che hanno effettuato gli interventi o ad altri soggetti privati, che hanno facoltà, a loro volta, di cedere il credito.

Sismabonus acquisti. Le precisazioni

Di rilievo è il chiarimento riguardante il trasferimento dell’immobile: è necessario che questo avvenga, al fine di utilizzare il bonus, entro diciotto mesi dalla conclusione dei lavori. Tuttavia è consentito accedere al Sismabonus anche in caso di versamento di acconti sul prezzo dell’immobile, a patto che il preliminare di vendita venga registrato entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi sulla quale far valere l’agevolazione.

Quindi, la detrazione potrà essere fruita dall'acquirente solo dall'anno di imposta in cui i lavori si sono conclusi.

A lavori finiti, pertanto, se gli acconti sono pagati in un anno diverso da quello in cui è stipulato il rogito, il contribuente ha la possibilità di far valere la detrazione degli importi versati in acconto o nel periodo di imposta in cui questi sono stati pagati o nel periodo di imposta in cui ha stipulato il rogito.

Nella risposta fornita dalle Entrate si precisa anche che:

  • la detrazione è ammessa altresì quando la demolizione e la ricostruzione dell'edificio hanno dato luogo ad un aumento volumetrico rispetto a quello preesistente, se le normative urbanistiche in vigore permettono tale variazione;
  • non è necessario, ai fini dell’agevolzione, che l'acquirente effettui il pagamento con bonifico bancario o postale. Ciò è stato escluso dal provvedimento delle Entrate del 19/7/2019;
  • in merito alla possibilità di cedere il credito corrispondente alla detrazione all'impresa costruttrice o ad altri soggetti privati, con la facoltà di successiva cessione del credito, l’Agenzia non pone ostacoli anche con riguardo alla cessione alle persone fisiche che dovessero entrare a far parte della compagine societaria della newco;
  • è stata soppressa dalla Legge di bilancio 2020 la possibilità di optare, in luogo della cessione del credito, per lo sconto in fattura sul corrispettivo dovuto.
Allegati