Smart&Start Italia, definiti i criteri e le modalità di concessione delle agevolazioni

Pubblicato il



Smart&Start Italia, definiti i criteri e le modalità di concessione delle agevolazioni

Via libera, a decorrere dal 20 gennaio 2020, alle domande per accedere al nuovo strumento agevolativo – denominato “Smart&Start Italia” – finalizzato a promuovere, su tutto il territorio nazionale, le condizioni per la diffusione di nuova imprenditorialità e sostenere le politiche di trasferimento tecnologico e di valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata. L’incentivo, originariamente introdotto dal Decreto (MISE) del 24 settembre 2014, è stato modificato dal Decreto (MISE) del 30 agosto 2019, adottato in attuazione delle disposizioni di cui all’art. 29, co. 3, del D.L. n. 34/2019.

I criteri e le modalità per l’accesso, nonché la concessione e l’erogazione delle agevolazioni, sono state definite dal Ministero dello Sviluppo Economico, con la circolare n. 439196 del 16 dicembre 2019.

Smart&Start Italia, chi sono i soggetti interessati?

La misura agevolativa è riservata alle startup innovative, localizzate su tutto il territorio nazionale, iscritte nell’apposita sezione speciale del registro imprese. Inoltre, le startup devono essere:

  • costituite da non più di 60 mesi alla data di presentazione della domanda;
  • di piccola dimensione.

Possono presentare domanda di agevolazione anche le persone fisiche che intendono costituire una startup innovativa. In tal caso, la costituzione della società deve intervenire entro 30 giorni dalla comunicazione di ammissione alle agevolazioni.

Smart&Start Italia, quali sono i programmi ammissibili?

Sono ammissibili alle agevolazioni i piani di impresa aventi ad oggetto la produzione di beni e l’erogazione di servizi che presentano almeno una delle seguenti caratteristiche:

  • significativo contenuto tecnologico e innovativo;
  • sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale, dell’intelligenza artificiale, della blockchain e dell’internet of things;
  • valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata (spin off da ricerca).

Smart&Start Italia, quali sono le agevolazioni?

Le imprese possono ottenere due tipologie di agevolazioni:

  • finanziamento agevolato, senza interessi, per un importo pari all’80% (elevabile al 90% nel caso in cui la startup sia interamente costituita da donne e/o da giovani di età non superiore a 35 anni);
  • servizi di tutoraggio tecnico-gestionale per le startup innovative costituite da non più di 12 mesi.
Allegati Anche in
  • edotto.com – Edicola del 18 ottobre 2019 - Smart&Start Italia, revisione in Gazzetta – G. Lupoi