Somministrazione transnazionale di lavoro. Si applica la retribuzione italiana

Pubblicato il



Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali è intervenuto, con la circolare n. 14 del 9 aprile 2015, per fornire chiarimenti sulla somministrazione transnazionale di lavoro anche alla luce di annunci pubblicitari recentemente apparsi sulla carta stampata di Agenzie di somministrazione di altri Stati membri dell'Unione europea che propongono il ricorso a manodopera straniera, evidenziando i forti vantaggi, anche di natura economica, di cui le aziende potrebbero beneficiare.

Il Ministero - dopo aver evidenziato i requisiti che le Agenzie di somministrazione di altro Stato membro dell’Unione europea devono possedere per operare legittimamente nel nostro Paese - ricorda che l'art. 3 della direttiva 96/71/CE, in relazione ai lavoratori inviati in distacco da uno Stato membro ad un altro Stato dell’UE, stabilisce l’applicazione dei livelli minimi di condizioni di lavoro e occupazione previsti dalla legge del luogo di esecuzione della prestazione lavorativa (c.d. principio lex loci laboris).

Nello specifico, l’attività lavorativa svolta in Italia risulta disciplinata dalle disposizioni di legge, dalle indicazioni amministrative e dalle clausole della contrattazione collettiva italiane, con riferimento a:

- periodi massimi di lavoro e minimi di riposo;

- durata minima delle ferie annuali retribuite;

- tariffe minime salariali, comprese le tariffe maggiorate per lavoro straordinario;

- salute, sicurezza e igiene sui luoghi di lavoro;

- non discriminazione tra uomo e donna;

- condizioni di cessione temporanea di lavoratori da parte delle agenzie di somministrazione.

Quindi, per i lavoratori somministrati a livello transnazionale, è sancita e garantita una sostanziale parità di trattamento, sia per quanto concerne i profili normativi che per quelli retributivi, rispetto ai lavoratori italiani alle dipendenze dell’utilizzatore.

In caso di mancato rispetto di tali principi, gli ispettori del lavoro potranno adottare la diffida accertativa ex art. 12, D.Lgs. n. 124/2004, per la tutela dei crediti retributivi ed applicare le sanzioni amministrative e/o penali per le violazioni in materia di orario di lavoro, sicurezza sul lavoro, parità di trattamento uomo/donna, tutela della maternità, dei minori, ecc.
Allegati Links Anche in
  • Il Sole 24 Ore - Norme e Tributi, p. 40 - Diffide e prescrizioni contro gli abusi transnazionali - Falasca