Spesometro 2017 bocciato da un sondaggio: troppo oneroso

Pubblicato il



Spesometro 2017 bocciato da un sondaggio: troppo oneroso

Sul sito dell'Associazione nazionale dei commercialisti, in data 4 dicembre 2017, è stato pubblicato un comunicato congiunto ANC – Confimi contenente alcune considerazioni sul nuovo spesometro.

Analizzando circa 1.300 risposte raccolte con il sondaggio promosso da ANC e Confimi (la cui fase di raccolta è ancora in corso di svolgimento), le conclusioni a cui le parti sono giunte non sono affatto soddisfacenti.

L'associazione dei commercialisti insieme alla Confederazione dell'Industria Manifatturiera Italiana e dell'Impresa Privata è arrivata ad una bocciatura dello spesometro, evidenziando non solo i problemi tecnici che hanno accompagnato il primo appuntamento con le semplificazioni legate alla comunicazione dati fatture del 1° semestre 2017, ma anche i notevoli costi per gli operatori.

Oltre ai problemi di privacy, infatti, l'adempimento è risultato molto oneroso e il prezzo di tale disagio, ancora una volta, è stato ingiustamente sopportato dalle imprese e dai professionisti, come ha evidenziato Flavio Lorenzin, Vicepresidente di Confimi Industria con delega su fisco e semplificazioni.

Secondo quanto emerge da un primo report, il primo appuntamento del nuovo spesometro è costato mediamente alle imprese circa 5 giornate di lavoro a cui vanno aggiunti gli adeguamenti dei software gestionali che fanno salire a circa 2.100 euro il costo del primo adempimento. Per i professionisti, invece, le giornate salgono a 22 negli studi professionali, per un costo di non meno di 5.300 euro.

Moltiplicando tutte queste informazioni per il totale dei contribuenti interessati dallo spesometro (da 5,1 a 6 milioni) si arriva a stimare che (esclusi i costi per gli adeguamenti tecnologici) il primo appuntamento con il nuovo adempimento è costato agli operatori una somma che oscilla dagli 800 milioni a 1,2 miliardi di euro.

Anche in
  • eDotto.com – Edicola 24 ottobre 2017 - ANC e Confimi Industria, bocciare le misure su spesometro aggregato e fatturazione che propone il Governo con la legge di Bilancio – A. Lupoi