Split payment con elenco obbligati

Split payment con elenco obbligati

Nelle more dell’emanazione del decreto attuativo sull’estensione (ex Dl 50/2017, ora legge 96/2017) dello split payment, il Mef fornisce gli elenchi delle amministrazioni, degli enti e delle società che dal 1° luglio 2017 saranno soggette al meccanismo:

  • elenco delle pubbliche amministrazioni inserite nel conto consolidato;
  • elenco delle società controllate di diritto dalla Presidenza del Consiglio dei ministri e dai ministeri e delle società controllate da queste ultime;
  • elenco delle società controllate di fatto dalla Presidenza del Consiglio dei ministri e dai ministeri e delle società controllate da queste ultime;
  • elenco delle società controllate di diritto dalle regioni, province, città metropolitane, comuni, unioni di comuni e delle società controllate da queste ultime;
  • elenco delle società quotate inserite nell’indice Ftse Mib della Borsa italiana.

Gli elenchi, momentaneamente non più disponibili online, sono di aiuto per le aziende che dovranno adeguarsi, a breve, al meccanismo: non si avranno dubbi su chi è investito dalla nuova inclusione.

In merito erano arrivate al Mef richieste di chiarimento.

In tal senso, dalla lettura degli elenchi si apprende che rientrano nel meccanismo tutti i soggetti indicati nell'articolo 2, comma 2 della legge 196/2009, che l'Istat rivede con proprio provvedimento pubblicato nella “Gazzetta Ufficiale” entro il 30 settembre di ogni anno.

Dunque nessun dubbio su: amministrazioni pubbliche soggette all’obbligo della fatturazione elettronica; ordini professionali; casse di previdenza private dei professionisti.

Allegati

AccertamentoFisco