Split payment fino al 2020

Pubblicato il

In questo articolo:



Split payment fino al 2020

Il Consiglio dell’Unione europea ha accolto la richiesta dell'Italia di prorogare l’autorizzazione per l’applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti (split payment) che, pertanto, sarà applicata fino al 30 giugno 2020. La richiesta di proroga è stata avanzata in virtù dell'ampliamento dell’ambito applicativo operato dal decreto legge 50/2017 (manovra correttiva).

La decisione di esecuzione (Ue) 2017/784 del 25 aprile 2017, pubblicata sulla “Gazzetta ufficiale dell’Unione europea” del 6 maggio 2017, abroga, a decorrere dal 1° luglio 2017, la precedente decisione del 2015.

Pertanto, fino al 30 giugno 2020:

  • l’Iva dovuta sulle cessioni di beni e sulle prestazioni di servizi a favore delle pubbliche amministrazioni, delle società controllate da pubbliche amministrazioni e delle società quotate in borsa incluse nell’indice Ftse Mib debba essere versata dall’acquirente/destinatario su un apposito conto bancario bloccato dell’amministrazione fiscale;
  • nelle fatture emesse in relazione alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuate a favore dei soggetti sopra elencati sia apposta una specifica annotazione secondo cui l’Iva deve essere versata su un apposito conto bancario bloccato dell’amministrazione fiscale.

Split payment

Introdotto nell’ordinamento italiano dalla legge di Stabilità 2015, lo split payment è una speciale modalità di versamento dell’Iva, in deroga alla direttiva 2006/112/Ce, applicabile alle operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni che non risultano debitori d’imposta:

  • al fornitore, del bene o del servizio, è pagato il solo importo del corrispettivo al netto dell’Iva indicata in fattura;
  • le pubbliche amministrazioni acquirenti di beni e servizi, ancorché non rivestano la qualità di soggetto passivo d’imposta, versano direttamente all’erario l’Iva addebitata loro dai fornitori.
Allegati Links Anche in
  • eDotto.com - Edicola dell'8 maggio 2017 - Manovra correttiva Richieste di aggiustamenti su compensazioni e split payment - Moscioni