Terzo settore. Vis, valutazione dell'impatto sociale. Linee guida

Pubblicato il



Terzo settore. Vis, valutazione dell'impatto sociale. Linee guida

Sono state pubblicate in Gazzetta le linee guida del ministero del Lavoro per la realizzazione di sistemi di valutazione dell'impatto sociale delle attività - Vis - svolte dagli enti del Terzo settore (Ets).

Ospitato nella Gazzetta Ufficiale n. 214 del 12 settembre 2019, il decreto 23 luglio 2019 del Ministero del Lavoro detta, in ottemperanza alla legge n. 106/2016 (Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale), le linee guida in materia di sistemi di valutazione dell'impatto sociale delle attività svolte dagli enti del Terzo settore, definendo la valutazione dell'impatto sociale come la valutazione qualitativa e quantitativa, sul breve, medio e lungo periodo, degli effetti delle attività svolte sulla comunità di riferimento rispetto all'obiettivo individuato.

Terzo settore, valutazione dell'impatto sociale per finanziatori e donatori

La valutazione dell'impatto sociale degli enti di Terzo settore ha per oggetto gli effetti conseguiti dalle attività di interesse generale da essi svolte (come individuate, rispettivamente all'art. 5, comma 1 del decreto legislativo n. 117/2017 e, per le imprese sociali, all'art. 2, comma 1 del decreto legislativo n. 112/2017).

La finalità delle linee guida è quella di definire criteri e metodologie condivisi secondo i quali gli enti di Terzo settore possono condurre valutazioni di impatto sociale, che consentano di valutare, sulla base di dati oggettivi e verificabili, i risultati raggiunti rispetto agli obiettivi programmati e rendere disponibili agli stakeholders informazioni sistematiche sugli effetti delle attività realizzate.

Le valutazioni saranno realizzate con metodi qualitativi e quantitativi e potranno prevedere un sistema di indici e indicatori di impatto, da mettere in relazione con quanto eventualmente rendicontato nel bilancio sociale.

Pertanto, sono da intendersi come uno strumento sperimentale di valutazione finalizzato a generare un processo concettuale e al contempo misurabile nel medio e lungo termine.

Vis, valutazione dell'impatto sociale

I soggetti tenuti alla realizzazione di sistemi di valutazione dell'impatto sociale sono le pubbliche amministrazioni, nell'ambito di procedure di affidamento di servizi di interesse generale.

La Vis è applicabile ad interventi ed azioni di media e lunga durata (almeno diciotto mesi) e di entità economica superiori ad euro 1.000.000,00, se sviluppati in ambito interregionale, nazionale o internazionale.

Allegati Anche in
  • edotto.com - Edicola del 10 aprile 2019 - Cndcec su criticità della Riforma del terzo settore. Focus su questioni professionali - Moscioni