Transazione fiscale con falcidia dell'Iva per i Commercialisti

Pubblicato il



Transazione fiscale con falcidia dell'Iva per i Commercialisti

Con l'Informativa n. 1/2016 il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti informa i presidenti degli ordini territoriali che è stato presentato alla Commissione Rordorf (sul disegno di legge delega per la riforma e il riordino delle procedure concorsuali) il documento “Il contributo del CNDCEC alla riforma della crisi d'impresa – Profili tributari”.

Nel documento vengono raccolte le diverse proposte di modifiche legislative riguardanti:

- la transazione fiscale;

- i privilegi tributari;

- la fase esecutiva.

Cosa propone il CNDCEC in merito all’istituto della transazione fiscale?

In primo luogo, nel contributo alla riforma della crisi d'impresa allegato alla citata Informativa, il Consiglio nazionale dei commercialisti si sofferma sull'istituto della transazione fiscale, di cui all’articolo 182-ter della Legge Fallimentare, proponendo la riformulazione della norma attraverso alcune principali modifiche.

In particolare, viene proposta e giustificata la falcidiabilità dell’IVA nazionale, con versamento della sola quota parte destinata al bilancio comunitario. Inoltre, viene riconosciuta l'estensione degli effetti sostanziali e procedurali dell’istituto anche ai tributi locali e viene attribuito, quale effetto tipico derivante dal perfezionamento dell'accordo con l'Agenzia delle Entrate quello di precludere agli Uffici stessi la possibilità di rettificare in aumento l’ammontare della pretesa una volta condivisi i termini della proposta transattiva, con particolare riferimento all’ammontare del credito tributario concordato.

Allegati Links