Bando ISI Sicurezza lavoro Novità

Pubblicato il

In questo articolo:


Bando ISI Sicurezza lavoro Novità

Cambia l'accesso agli incentivi Isi: il click day lascia il posto all'estrazione a sorte tra le domande ammesse.

Arrivano dal consiglio di indirizzo e vigilanza dell'Inail le nuove linee d'indirizzo per la gestione degli incentivi economici alle imprese che investono in sicurezza.

Le regole sono aggiornate e integrate alla luce delle delibere n. 10/2015, n. 18/2015 e n. 18/2016 dello stesso Istituto.

A illustrare le nuove regole la delibera n. 20 del 29 novembre 2016 del Civ dell'Inail: “Linee di indirizzo per la concessione di incentivi economici alle imprese che investono in sicurezza, con particolare riferimento ai Bandi ISI 2016”.

La delibera annuncia di impegnare gli Organi di gestione a incrementare le risorse (con quelle non utilizzate e non erogate dei bandi Isi degli anni precedenti) e “riprogettare” gli strumenti secondo gli assi: incentivi per il sostegno delle imprese (PMI) di diversi settori merceologici (ISI - Generalista); incentivi per progetti di bonifica da materiali contenenti amianto (ISI – Amianto); incentivi per il sostegno delle micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività e con particolari profili di rischio (ISI – micro e piccole imprese); finanziamenti alle micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli (ISI – Agricoltura).

In tal modo verrebbe superata la preesistente articolazione (ISI e FIPIT) al fine di garantire maggiore celerità delle procedure di finanziamento.

Nuove regole per il bando ISI

Oltre alla citata casualità delle scelte fra tutte le domande pervenute nei termini, tra le nuove regole sono inserite:

  • l'obbligo di un report per i soggetti che realizzano progetti finanziati nei due anni successivi alla rendicontazione;
  • l'esclusione, per la fase di sperimentazione 2016-2018, delle micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria di prodotti agricoli, perché imprese già beneficiare di specifici bandi.

Per ill bando Isi 2016 “generalista e amianto” il Civ stabilisce che venga garantito che:

  • il 30% delle risorse sia destinato al finanziamento dei progetti finalizzati alla bonifica da materiali con amianto;
  • venga confermata l'architettura del bando Isi 2015 e, in particolare, la percentuale del contributo in conto capitale, l'importo massimo erogabile, la tipologia degli interventi e la soglia per l'accesso alla selezione;
  • venga risolta la criticità, sollevata dalle imprese, della perentorietà dei termini per la presentazione di chiarimenti/integrazioni richiesti dall'Inail, o in via subordinata, sia previsto un termine più ampio;
  • venga verificata la possibilità di concedere alle imprese di derogare alla loro esclusione dai bandi Isi, nel caso in cui abbiano ottenuto il provvedimento di ammissione ma non siano riusciti a realizzare il progetto in tempo.
Anche in
  • eDotto.com - Edicola del 24 novembre 2016 - Bando ISI Agricoltura 2016 Conferenza stampa - G. Lupoi