Coronavirus. Decreto Liquidità, le banche sono pronte

Coronavirus. Decreto Liquidità, le banche sono pronte

A stretto giro dalla pubblicazione del decreto Liquidità, arriva a tutti gli Associati la lettera circolare dell’ABI con una prima tempestiva informazione sul ruolo che spetta alle banche.

Con circolare Prot. UCR/ULS/000686 del 9 aprile 2020, l’ABI entra subito in campo per il supporto alle Pmi (comprendendo tra queste i lavoratori autonomi e i liberi professionisti titolari di partita Iva) nell’emergenza Coronavirus (Covid-19): l’estrema necessità e l’urgenza di dare immediata applicazione alle disposizioni recate richiedono la massima attenzione e l’immediato impegno attuativo degli Associati.

Tuttavia, per la piena operatività si attendono gli altri attori.

Coronavirus. Decreto Liquidità. Le banche istruiscono le pratiche 

L’operatività della circolare attende altri interventi, come quello di Sace in merito alla piattaforma che consente il dialogo con le banche, ma queste intanto possono iniziare a prendere in carico le istruttorie sul merito di credito per le garanzie inferiori al 100%.

Sul punto il presidente dell'ABI, Antonio Patuelli, ha spiegato che gli Associati fino a 800mila euro, quindi ben sopra 25mila, dovrebbero istruire le pratiche fornendo alla competente autorità, o al fondo di garanzia o Sace, i documenti che sono prescritti come essenziali, quelli di carattere societario e bilancistico del singolo cliente: "Quindi raccoglieremo i documenti e immediatamente per mail appena abbiamo i documenti li mandiamo. Attenderemo il via libera e faremo il bonifico in conto".

Coronavirus. Decreto Liquidità. Garanzie del Fondo centrale Pmi

Il decreto Liquidità stringe le maglie delle garanzie del Fondo centrale Pmi per le garanzie al 90% per rispettare i vincoli del Temporary Framework europeo sugli aiuti di Stato.

Sono stabiliti i limiti.

L’importo dei prestiti non potrà superare, alternativamente:

  • il 25% del fatturato 2019 del beneficiario;
  • il doppio della spesa salariale annua del 2019 o dell’ultimo anno disponibile (o i costi stimati per i primi due anni di attività se l’azienda è nata dopo il 1° gennaio 2019);
  • il fabbisogno per costi del capitale di esercizio e per costi di investimento (nei successivi 18 mesi, nel caso di Pmi, e nei successivi 12 mesi in caso di “small mid cap” fino a 499 dipendenti autocertificata).

Coronavirus. Decreto Liquidità. Buone nuove per il lavoro

Le due buone notizie nell’ambito del lavoro sono spiegate dal ministro competente in materia, Nunzia Catalfo: “Con la prima, allarghiamo le tutele previste dal Cura Italia anche a tutti i lavoratori che sono stati assunti dopo il 23 febbraio e fino al 17 marzo i quali, in questo modo, potranno accedere alle varie forme di sostegno al reddito. Con la seconda, eliminiamo il pagamento dell’imposta di bollo che le aziende, secondo la vecchia normativa, avrebbero dovuto versare per presentare la domanda di Cassa integrazione in deroga”.

Allegati

Anche in

  • edotto.com - Edicola del 9 aprile 2020 - Il Decreto Liquidità è ufficiale. Valutazioni normali per il bilancio delle società - Pichirallo
ImpreseFinanziamenti e AgevolazioniLavoroProfessionistiLavoro autonomo