Dati sensibili, tutela rafforzata anche in banca

Dati sensibili, tutela rafforzata anche in banca

Sia i soggetti pubblici che le persone giuridiche private, come le banche, sono tenuti all’osservanza di particolari tutele nel trattamento dei dati sensibili idonei a rivelare lo stato di salute dei clienti. Questo anche quando agiscano rispettivamente in funzione della realizzazione di una finalità di pubblico interesse o in adempimento di un obbligo contrattuale.

Detti dati sensibili, in particolare, possono essere trattati solo mediante modalità organizzative, quali tecniche di cifratura o criptatura, che rendano non identificabile l’interessato.

Così le Sezioni Unite civili di Cassazione, nel testo della sentenza n. 30981 depositata il 27 dicembre 2017.

Protezione dei dati personali (Privacy)DirittoEconomia e FinanzaFinanzaAttività Finanziarie
festival del lavoro