Decreto Semplificazione Modifiche

Pubblicato il


Decreto Semplificazione Modifiche

Il Consiglio dei Ministri n. 119 del 10 giugno 2016 ha approvato in via preliminare un decreto legislativo recante disposizioni integrative e correttive di 5 decreti legislativi del Jobs Act.

Importanti sono le modifiche approvate al c.d. Decreto Semplificazione inerenti le norme sui disabili, il controllo dei lavoratori e le dimissioni telematiche.

Disabili

Per quanto concerne i disabili la modifica prevede che:

  • la computabilità dei lavoratori già disabili prima della costituzione del rapporto di lavoro, anche se non assunti tramite il collocamento obbligatorio, riguardi i lavoratori che abbiano una riduzione della capacità lavorativa pari o superiore al 60%;
  • l’importo delle sanzioni relative alla violazione dell’obbligo di invio del prospetto informativo e alla mancata copertura della quota d’obbligo sia legata alla misura del contributo esonerativo;
  • per le violazioni relative alla mancata copertura della quota d’obbligo è applicabile la procedura della diffida che dispone la presentazione agli uffici competenti della richiesta di assunzione o la stipulazione del contratto di lavoro con la persona avviata dagli uffici competenti;
  • gli importi delle sanzioni amministrative per la violazione dell’obbligo di invio del prospetto informativo siano adeguati ogni cinque anni con decreto del Ministro del Lavoro.

Controllo dei lavoratori

A seguito dell’istituzione dell’Ispettorato nazionale del lavoro viene chiarito che, nel caso di imprese con unità produttive dislocate negli ambiti di competenza di più sedi territoriali dell’Ispettorato, qualora non si raggiunga l’accordo sindacale, gli impianti audiovisivi e gli altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell'attività dei lavoratori possono essere installati, in alternativa, previa autorizzazione della sede territoriale o della sede centrale dell’Ispettorato.

Inoltre viene previsto che i provvedimenti autorizzatori adottati dall’Ispettorato sono definitivi per cui non è possibile proporre contro gli stessi ricorso gerarchico.

Dimissioni telematiche

L’ultima modifica al D.Lgs. n. 151/2015 che emerge dal comunicato stampa del CdM è più che altro un chiarimento inerente la nuova procedura di dimissioni telematiche e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

La modifica specifica che la procedura in questione non trova applicazione nei rapporti di lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni.

Allegati Anche in
  • eDotto.com – Edicola del 6 giugno 2016 - Dimissioni telematiche Nuove FAQ – Schiavone