Dl fiscale, nuovo documento di regolarità per appalti e subappalti

Dl fiscale, nuovo documento di regolarità per appalti e subappalti

Il D.L. n. 124/2019 (cd. “Decreto Fiscale”) all’art. 4 ha esteso il meccanismo del “reverse charge” ad appalti e subappalti che prevedono l’utilizzo di manodopera. L’inversione contabile riguarda tutte le ritenute fiscali operate dall’impresa appaltatrice o affidataria e dalle imprese subappaltatrici, nel corso di durata del contratto, sulle retribuzioni erogate al personale direttamente impiegato nell’esecuzione delle opere o dei servizi affidati. Ciò obbliga il committente, in caso di contratti di appalto, subappalto o affidamento a soggetti consorziati con importi superiori a 200.000 euro, a una articolata e complessa verifica circa i corretti adempimenti relativi al versamento delle ritenute dei lavoratori delle imprese prestatrici.

Sul punto, per effetto degli emendamenti approvati in fase di conversione del “D.L. Fiscale”, sta prendendo forma un nuovo documento di regolarità fiscale e contributiva che farà venir meno gli obblighi del “reverse charge” per appalti e subappalti.

D.L. Fiscale, come funziona il nuovo Durc

Il nuovo Durc ha lo scopo primario di verificare la regolarità delle imprese appaltatrici e subappaltatrici sia dal punto di vista fiscale che contributivo, esonerando il committente ai predetti obblighi di monitoraggio. Tuttavia, affinché il committente possa ritenersi dispensato dagli obblighi è opportuno che le imprese appaltatrici:

  • siano in attività da almeno tre anni, oltre a essere in regola con gli obblighi dichiarativi e aver eseguito nel corso dei periodi d'imposta - cui si riferiscono le dichiarazioni dei redditi presentate nell'ultimo triennio - complessivi versamenti registrati nel conto fiscale per un importo non inferiore al 10% dell'ammontare dei ricavi o compensi risultanti dalle dichiarazioni medesime;
  • non abbiano iscrizioni a ruolo o accertamenti esecutivi o avvisi di addebito affidati agli agenti della riscossione relativi alle imposte sui redditi, all'imposta regionale sulle attività produttive, alle ritenute e ai contributi previdenziali per importi superiori a 50.000 euro, per i quali i termini di pagamento siano scaduti e ancora dovuti pagamenti o non siano in essere provvedimenti di sospensione.

D.L. Fiscale, come ottenere il nuovo Durc

Come è possibile ottenere il nuovo Durc? Al riguardo, l’art. 4, co. 6 del D.L. n. 124/2019 ha previsto che la certificazione sarà messa a disposizione delle singole imprese dall'Agenzia delle Entrate e ha validità di quattro mesi dalla data del rilascio.

Anche in

  • edotto.com – Edicola del 4 dicembre 2019 - Dl fiscale. Si tratta su Rc auto e impatriati – Pichirallo
LavoroLavoro subordinato