Documento programmatico di bilancio inviato alla Ue. Il testo in pdf

Pubblicato il



Documento programmatico di bilancio inviato alla Ue. Il testo in pdf

Il Documento programmatico di bilancio è stato trasmesso alla Commissione Ue. A darne comunicazione il Governo in conferenza stampa e una nota Mef del 19 ottobre 2020 sul sito. Disponibile il testo in pdf.

Dunque, il CdM ha approvato il Ddl di bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e di bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023. Il Documento Programmatico di Bilancio per il 2021, trasmesso alla Commissione Ue, contiene le valutazioni macroeconomiche e le azioni prioritarie del Governo, l’aggiornamento sullo stato di avanzamento del Programma nazionale di riforma – con particolare riferimento al livello di risposta alle raccomandazioni specifiche della Commissione europea – e la manovra di finanza pubblica per il 2021 articolata per tipologia di intervento con relativo impatto finanziario (in percentuale del PIL).

Si legge che la riforma fiscale che il Governo intende attuare, nel corso del prossimo triennio:

  • sarà finalizzata alla semplificazione e alla trasparenza, al miglioramento dell’equità e dell’efficienza del prelievo e alla riduzione della pressione fiscale;
  • sarà disegnata in maniera coerente con la legge delega in materia di assegno unico, anche per favorire la partecipazione femminile al mercato del lavoro e aumentare la crescita demografica.

Il Governo intende stabilire un patto fiscale con i cittadini che premi, incentivandola, la fedeltà fiscale e contributiva delle imprese e dei lavoratori.

Annunciata dal Governo, nella conferenza stampa, l’entrata in vigore del piano cashless: parte “a dicembre, con un primo rimborso a febbraio sulle spese di Natale”. E un “decreto novembre” che prorogherà la Cig fino a fine anno.

Prorogati i 100 euro ai dipendenti (bonus 100 euro).

L’assegno unico per figlio arriverà fino a 200 euro al mese.

Documento programmatico di bilancio. Norme prorogate

Saranno prorogate al 31 dicembre 2021 le agevolazioni:

  • del settore dell’edilizia, compreso il bonus facciate, in scadenza al 31 dicembre 2020;
  • della maggiorazione al 50% delle spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio;
  • ecobonus (50% e 65% delle spese sostenute per interventi di efficienza energetica);
  • bonus mobili e bonus verde;
  • credito d’imposta per gli investimenti al Sud;
  • credito d’imposta per incentivare le quotazioni in borsa.

Norme rafforzate:

  • il piano “Transizione 4.0”;
  • la “nuova Sabatini”,
  • l’internazionalizzazione delle imprese.

Sulla possibile proroga del Superbonus 110%, non entrato nel testo inviato, le rassicurazioni nella conferenza stampa: arriverà con il Recovery fund.

Allegati