Faq Voucher digitalizzazione. Richiesta di erogazione solo con spese pagate

Faq Voucher digitalizzazione. Richiesta di erogazione solo con spese pagate

Con riferimento al Voucher digitalizzazione, al momento in cui si presenta la richiesta di erogazione tutte le spese legate al progetto di digitalizzazione e ammodernamento tecnologico devono risultare completamente pagate a saldo.

E’ una delle risposte fornite dal ministero dello Sviluppo Economico nella sezione Faq del Voucher digitalizzazione per le Pmi (aggiornate al 27 giugno 2018), agevolazione concessa in favore di micro, piccole e medie imprese, costituite in qualsiasi forma giuridica, che possiedano, alla data della presentazione della domanda, i requisiti richiesti.

Vi possono accedere anche i liberi professionisti qualora svolgano la propria attività in forma di impresa e siano iscritti, alla data di presentazione della domanda, al Registro delle imprese.

Domande solo con la procedura informatica MiSE

La domanda di agevolazioni deve essere compilata esclusivamente attraverso la procedura informatica accessibile nella sezione “Voucher digitalizzazione”, disponibile dal prossimo 14 settembre 2018 sul sito del MiSE.

Viene specificato che dopo il termine della procedura di compilazione, potrà essere scaricato il modulo in formato “.pdf”, che consente di appore la firma digitale. Successivamente è possibile caricare il modulo firmato sul sistema per procedere all’invio dell’istanza.

Non è consentito inviare la domanda accedendo alla piattaforma informatica con il sistema SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale); l’autenticazione dell’utente va effettuata utilizzando un dispositivo di tipo CNS (Carta nazionale dei servizi).

Soggetti delegati a presentare domanda

I consulenti esterni all’impresa non possono essere delegati dalla stessa a presentare la domanda di agevolazione, in quanto il rappresentante legale dell’impresa proponente può delegare solamente un soggetto risultante in pianta organica dell’azienda dal registro delle imprese o dal libro unico del lavoro.

Documenti da allegare

Si chiarisce che i preventivi di spesa non devono essere allegati alla domanda.

Infatti, all’istanza va allegato esclusivamente il prospetto dei dati certificati dal Registro imprese, che viene generato automaticamente dalla procedura informatica, e, se l’impresa proponente risulta associata/collegata, il prospetto riportante i dati per il calcolo della dimensione d’impresa (redatto attraverso l’apposito modello che sarà reso disponibile).

Richieste di erogazione: documenti

Pena la decadenza dalle agevolazioni, la richiesta di erogazione del Voucher va presentata non oltre il 13 dicembre 2018. Alla data di richiesta di erogazione, tutte le spese connesse al progetto di digitalizzazione e ammodernamento tecnologico devono risultare completamente pagate a saldo.

Come per la domanda di agevolazioni, l’apposita procedura informatica consente di verificare se la compilazione delle varie sezioni del modulo di richiesta di erogazione è avvenuta correttamente oppure se vi sono errori o informazioni mancanti.

Alla richiesta vanno allegati:

  • i titoli di spesa (fatture di acquisto) connessi al progetto di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico, con la dicitura: «Spesa di euro ... dichiarata per l’erogazione del Voucher di cui al D.M. 23 settembre 2014». Per i progetti di spesa realizzati nelle Regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e nelle Regioni in transizione (Abruzzo, Molise, Sardegna) la predetta dicitura deve essere integrata con la seguente «Programma operativo nazionale Imprese e competitività 2014- 2020»;
  • estratti del conto corrente dal quale risultino i pagamenti connessi alla realizzazione del progetto agevolato;
  • liberatorie dei fornitori dei beni e dei servizi acquisiti.

Allegati

Anche in

  • eDotto.com – Edicola del 21 giugno 2018 - Voucher digitalizzazione Pmi. Elenco imprese assegnatarie – Pichirallo
AgevolazioniFisco
festival del lavoro