Finanziamenti per formare operatori del turismo esperienziale, firmato il decreto

Pubblicato il


Finanziamenti per formare operatori del turismo esperienziale, firmato il decreto

In data 10 giugno 2021, il Ministro Carfagna, di concerto con il Ministro Massimo Garavaglia, ha firmato il Decreto che istituisce il fondo sperimentale per la formazione di operatori qualificati operanti nel campo del turismo esperienziale.

Questa tipologia di turismo si contrappone al turismo di massa, in quanto il viaggiatore stabilisce una connessione con il luogo, la sua cultura e i suoi abitanti. Di conseguenza, l’operatore turistico che lavora in questa particolare esperienza di turismo deve possedere competenze professionali di maggior livello. Nello specifico, deve essere in grado di “personalizzare” l’esperienza di viaggio, adattandola alle specifiche esigenze dei singoli visitatori.

Le risorse stanziate dal Fondo ammontano a un milione di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022 e sono destinate alle Regioni meridionali.

Ciascuna Regione, poi, istituirà propri bandi al fine di stornare i finanziamenti ad enti e agenzie di formazione accreditati, istituti tecnici superiore o università per lo svolgimento di corsi di formazione.

A tal riguardo, con l’intento di indirizzare al meglio l’azione delle Regioni, sono fissati dei criteri di valutazione per i bandi:

  • qualità e innovatività del progetto, in particolare in relazione alle tematiche di sostenibilità ambientale;
  • precedenti esperienze del proponente in materia di piani formativi riferibili al turismo esperienziale e sostenibile;
  • la garanzia che almeno la metà degli operatori formati che risultino inattivi al termine del corso abbiano accesso a un tirocinio, uno stage o un contratto di lavoro presso imprese turistiche o strutture ricettive operanti nel territorio regionale.

Le risorse sono ripatite nel modo seguente:

  • Campania: 350.000 € per 70 operatori da formare;
  • Sicilia: 350.000 € per 70 operatori da formare;
  • Puglia: 350.000 € per 70 operatori da formare;
  • Calabria: 250.000 € per 50 operatori da formare;
  • Sardegna: 250.000 € per 50 operatori da formare;
  • Abruzzo: 250.000 € per 50 operatori da formare;
  • Basilicata: 100.000 € per 20 operatori da formare;
  • Molise: 100.000 € per 20 operatori da formare.

È prevista la possibilità per ogni regione di integrare le risorse che le spettano con una quota aggiuntiva di importo non superiore al 20%, incrementando in tal modo anche il numero degli operatori che accederanno ai corsi.

A tal proposito, si stima complessivamente la formazione di circa 400/480 operatori.

Data la natura sperimentale del fondo, nel caso di raggiungimento degli obiettivi prefissati, lo stesso potrà essere rifinanziato anche per gli anni a venire.

Allegati