Giro di vite per il voto di scambio politico-mafioso

Giro di vite per il voto di scambio politico-mafioso

Il Senato, nella seduta del 24 ottobre 2018, ha approvato la proposta di legge che, in materia di voto di scambio politico-mafioso, interviene a modificare l'articolo 416-ter del Codice penale. Il testo passerà ora all’esame della Camera.

Il provvedimento, composto da un solo articolo, introduce un inasprimento delle pene sia per i candidati che per i boss che fanno accordi a fini elettorali nonché il venir meno della necessità della prova, ai fini della punibilità, dell’esistenza del metodo mafioso.

Reclusione da 10 a 15 anni

Nel dettaglio, si prevede che venga punito con la reclusione da 10 a 15 anni chiunque accetta, direttamente o a mezzo di intermediari, la promessa di procurare voti da parte di soggetti la cui appartenenza alle associazioni mafiose sia a lui nota in cambio dell'erogazione o della promessa di erogazione di denaro o di qualunque altra utilità o in cambio della disponibilità a soddisfare gli interessi o le esigenze dell'associazione mafiosa.

La medesima pena si applica anche a chi, dall’altra parte, promette di procurare voti.

Per finire, viene sancito un aumento di pena, pari alla metà, per i casi in cui colui che ha accettato la promessa di voti risulti, poi, eletto nella relativa consultazione elettorale.

In presenza di condanna per questi reati – si legge nel testo - consegue sempre l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

DirittoDiritto PenaleDelitti e contravvenzioni
festival del lavoro